verdura

Lavare bene frutta e verdura è molto importante per prevenire varie intossicazioni alimentare, tra cui quella provocata dal batterio E. coli. Ma come dovrebbero essere lavate?

Sappiamo che la maggior parte dei batteri si trova nel terreno e che si attaccano al prodotto vegetale. Rimuovere i residui di terra da esso è fondamentale. Le verdure vanno quindi lavate sotto l’acqua corrente. Poi, dopo averle tagliate, mettere in una ciotola piena di acqua e rimescolarle bene. Infine, risciacquarle nuovamente sotto l’acqua del rubinetto.

C’è una sostanziale differenza fra la frutta e la verdura preconfezionate e quelle sfuse. Le prime sono sottoposte ad un lavaggio industriale minuzioso, mentre le seconde vengono raccolte e messe sul banco. Quindi, lavarle accuratamente prima di consumarle è fondamentale.

Ecco alcuni consigli su come conservare, manipolare e cuocere in sicurezza le verdure crude:

  • Lavarsi sempre accuratamente le mani prima e dopo aver maneggiato cibi crudi, comprese le verdure.
  • Mantenere il cibo crudo, comprese le verdure, separato dai cibi pronti per il consumo.
  • Utilizzare diversi taglieri, coltelli e utensili per alimenti crudi e pronti da mangiare, o lavarli accuratamente tra un utilizzo e un altro.
  • Controllare l’etichetta e, a meno che la confezione non contenga la dicitura “verdure pronte da mangiare”, è necessario lavarle, sbucciarle o cucinarle.

Invece, per prevenire la contaminazione incrociata:

  • Lavarsi sempre le mani dopo aver maneggiato il cibo crudo.
  • Conservare separatamente gli alimenti crudi e pronti per il consumo.
  • Conservare la carne cruda in contenitori sigillabili sul fondo del frigorifero in modo che non possa gocciolare su altri alimenti.
  • Utilizzare un tagliere diverso per alimenti crudi e alimenti pronti.
  • Pulire accuratamente i coltelli e gli altri utensili dopo averli usati per il cibo crudo.
  • Non lavare mai la carne cruda o il pollame perché i batteri nocivi potrebbero espandersi attorno alla cucina.