casa

La considerazione che l’inquinamento sia un problema prettamente esterno spesso porta ad una mancanza d’attenzione alla qualità dell’aria all’interno di una casa, a volte più inquinata di quella esterna.

Polvere domestica, formaldeide, radon e sostanze chimiche volatili provenienti da detergenti e profumi: tutti inquinanti che possono minare la salute dei residenti di una casa. Per non parlare poi dei celeberrimi acari della polvere, di varie tipologie di muffe e di peli di animali domestici che spesso sono causa di allergie. Soprattutto i bambini, le persone che soffrono di asma e gli anziani sono molto sensibili agli inquinanti indoor, ma altri effetti possono insorgere nel corso degli anni.

In che modo agire per mantenere pulita l’aria all’interno di una casa? Ecco alcuni suggerimenti.

Mantenere puliti i pavimenti

Prodotti chimici e allergeni si accumulano nella polvere per diverso tempo. Utilizzando il sistema di filtraggio HEPA, si possono ridurre le concentrazioni di piombo all’interno della casa. Non solo: ci si può anche sbarazzare di altre tossine, come i residui dell’utilizzo di prodotti chimici, peli di animali domestici e acari della polvere.

Dopo aver utilizzato l’aspirapolvere, per rimuovere i residui di polvere rimasti bisogna lavare, senza necessariamente utilizzare detergenti: basta semplice acqua. Esistono in commercio panni in microfibra che catturano in modo efficace la polvere rimasta.

Siccome gli inquinanti esterni vengono spesso portati in casa attraverso la suola delle scarpe, l’utilizzo di tappetini fuori dalla porta d’ingresso limita tantissimo questo problema. Oppure, meglio ancora sarebbe l’abitudine di togliersi le scarpe prima di entrare in casa e tenerli sempre all’esterno.

Mantenere bassi i livelli di umidità

Acari della polvere e muffa amano particolarmente l’umidità. Mantenerla sotto il 50% limita moltissimo la loro azione deleteria. Un deumidificatore (e un condizionatore d’aria durante i mesi estivi) aiuta a ridurre l’umidità interna e controlla efficacemente gli allergeni. Un condizionatore d’aria riduce anche il numero di pollini interni, altro vantaggio per chi soffre di allergie.

Altri suggerimenti per deumidificare la casa sono:

  • Utilizzare una ventola di scarico o aprire una finestra quando si cucina o si utilizza la lavastoviglie.
  • Non sovrapporre le piante d’appartamento.
  • Riparare eventuali perdite all’impianto idraulico per prevenire il diffondersi della muffa.
  • Svuotare sempre le vaschette antigoccia nel condizionatore d’aria e nel deumidificatore.