etiopia

L’Etiopia vuole piantare circa 4 miliardi i nuovi alberi per contrastare la diffusa deforestazione in tutto il Paese. Abiy Ahmed, primo ministro, ha promesso che il rimboschimento inizierà all’alba della stagione delle piogge. L’intento del governo etiope è di creare una vera e propria “Green economy resiliente al clima”.

La continua deforestazione negli ultimi anni ha causato la perdita di minerali ed acqua dal suolo, a cui si è unita una grave siccità, che nel 2017 ha portato alla morte circa 2 milioni di animali.

L’Etiopia è il secondo grande paese africano per numero di abitanti, con un’economia cresciuta a ritmo impressionante negli ultimi 15 anni. Naturalmente, tutto questo ha causato una massiccia deforestazione per fornire maggiore spazio a case, bestiame e materiali per lo sviluppo industriale. Inoltre, l’economia del Paese è quasi dipendente dall’esportazione della rinomata pianta di caffè arabica, la quale cresce spontaneamente e viene venduta e consumata in tutto il mondo. Ciò ha contribuito alla deforestazione delle piante autoctone stesse, influenzando la loro crescita spontanea in presenza di un non sufficiente approvvigionamento idrico.

Il caffè etiope rappresenta il 3% dell’offerta globale e il 34% del reddito da esportazioni. Con il boom globale nel commercio del caffè e la maggiore domanda di miscele speciali, la quota di produzione per il settimo produttore di caffè più grande al mondo è destinata a crescere.

Nazioni in via di sviluppo come l’Etiopia stanno rapidamente concretizzando le proprie responsabilità nel rispondere alle preoccupazioni del cambiamento climatico globale. La strategia “Green economy resiliente al clima” fortemente voluta dal governo del Paese spera di affrontare questi problemi, rafforzando nel contempo la crescita e costruendo un futuro più verde per la sua popolazione.