Casa nuova? Passo dopo passo, ecco come procedere (anche in ottica green)

Cambiare casa è sempre molto impegnativo, soprattutto quando
bisogna smontare e rimontare mobili e guardaroba. Ma, al di là della parte
dedicata materialmente al trasloco, cambiare domicilio comporta degli inevitabili
passaggi burocratici, e quindi è meglio sapere da subito cosa fare. Vediamo
quali sono gli step fondamentali per cambiare casa.

Recedere per tempo
dal contratto d’affitto

Una delle priorità è proprio quella di avvertire
ufficialmente il vecchio proprietario dell’immobile che si sta andando via, inviando
una disdetta del contratto d’affitto
per lettera raccomandata, almeno sei mesi prima della data di trasferimento a
casa nuova. È un adempimento previsto dalla legge per dare al vecchio
proprietario la possibilità di trovare un nuovo inquilino.

Iscrivere i ragazzi a
scuola

Se, come spesso succede, ci si allontana anche dal vecchio
quartiere, si dovrà cambiare scuola ai ragazzi e, per farlo, non si può
avvertire il nuovo Istituto all’ultimo momento. Bisognerà fare richiesta sia
alla scuola precedente, affinché ti rilasci tutta la documentazione necessaria,
sia alla nuova, che dovrà accogliere e inserire i ragazzi.

Trasferimento delle
utenze

Le utenze di luce, acqua e gas, intestate a tuo nome, vanno
trasferite a casa nuova, chiudendo le precedenti e siglando nuovi contratti.
Spesso è proprio l’allaccio del gas a creare più grattacapi, soprattutto dal
punto di vista burocratico. Però per fortuna sul web (e anche sui siti degli
stessi fornitori) si possono trovare spiegazioni sul funzionamento di questo
passaggio. E arriviamo quindi al punto successivo.

Allaccio del gas

Ad esempio, qui c’è una sezione dedicata all’allaccio gas VIVIgas energia che entra nel dettaglio della procedura, per la quale (oltre ai documenti personali e i recapiti) bisognerà specificare, per ricevere un preventivo, se serve anche per il riscaldamento, il numero dei punti di fornitura PDR e la potenzialità in kW degli apparecchi da allacciare.

Richiesta al Comune
di cambio domicilio e tasse relative

Il cambio di domicilio (o di residenza, se si cambia città)
va comunicato al Comune di appartenenza insieme alla richiesta di modifica
delle tasse locali, come ad esempio la TARI, la TASI e l’IMU, e provvedere alla
registrazione dei nuovi dati sui documenti, compresa la tessera elettorale.

Comunicazioni al
Condominio

Altro compito da assolvere al più presto è quello di
comunicare all’amministratore del condominio la data del proprio insediamento,
in modo da consentirgli di inserire la nuova famiglia nei conteggi delle spese comuni,
come ascensore, luce e pulizie, ed altri oneri amministrativi.

Occhio all’ambiente

Cambiare casa è anche un’occasione da sfruttare per accrescere
le attenzioni poste al rispetto ambientale e alla
salute. Qualche consiglio in pillole: solo luci a LED, scarichi dei WC a
risparmio, nuovi elettrodomestici in tripla classe A, vernici ecologiche e
tante tende (queste ultime utilissime per difendere in maniera naturale la casa
dagli sbalzi di temperatura). Il tutto senza dimenticare di fare la raccolta differenziata dei rifiuti,
anche se il nuovo condominio non si è ancora adeguato.