Ghali: “Fino ad un anno fa dormivo con mamma. Mio padre in prigione”, video

In un’intervista rilasciata alla rivista Sette, Ghali racconta i retroscena della sua vita: dall’infanzia nella periferia milanese al successo, video.

Ghali, uno dei rapper più seguiti del momento, ai microfoni della rivista Sette, ha raccontato la sua vita svelando come sia cambiata la sua esistenza dopo il grande successo.

Io e mia mamma abbiamo dormito nella stessa stanza, uno di fianco all’altra, fino allo scorso anno – confessa – Solo da quando ho comperato la casa abbiamo due stanze diverse: ma non c’era disagio in quella situazione, anzi, era molto intima. Eravamo due compagni di stanza felici, non ci disturbavamo se rientravamo tardi o uscivamo presto, siamo persone che non si lamentano per i rumori, per la musica o la televisione accesa”, ha spiegato.

“Ho i miei soldi, una squadra che lavora per me, mamma al mio fianco, una casa mia, una grandissima figa che mi ama e mi vuole bene anche se domani la mia carriera finisce. Io manco mi aspettavo di comperarmi una casa…”, ha aggiunto.

Capitolo a parte, invece, è quello che il rapper dedica al padre: “Sono cresciuto nella periferia milanese da solo con mia madre, perché mio padre era in prigione prosegue – E siccome lui non c’era, le regole in casa le stabiliva lei. Ce n’erano parecchie, era severa, ma nonostante questo non riuscivo ad andare bene a scuola: di questo mia madre soffriva molto”, conclude.

ghali
Ghali a Sanremo – Foto Instagram da https://www.instagram.com/ghali/