Coronavirus Italia | saccheggi in atto ma nessuno vuole la pasta liscia FOTO

Emergenza Coronavirus Italia, in diversi ‘saccheggiano’ i supermercati in alcune aree del Nord. Emerge però una curiosa e bizzarra preferenza.

Coronavirus Italia pasta
Emergenza Coronavirus Italia pasta liscia snobbata FOTO yeslife

È isteria di massa a causa della situazione Coronavirus Italia. Diversi supermercati hanno visto l’assalto all’arma bianca delle persone, evidentemente impaurite dai casi di contagio con anche qualche decesso che stanno avvenendo in questi giorni. Nonostante le autorità sanitarie e governative affermino che tale comportamento sia del tutto ingiustificato, qualcuno lascia che i timori abbiano il sopravvento. Soprattutto la pasta e la farina sono gli alimenti che più stanno andando a ruba. Ma in merito alla pasta stessa, la gente in questa corsa all’acquisto ha espresso in maniera inconsapevole una preferenza ben precisa.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, parla il virologo: “La verità tra 15 giorni”

Coronavirus Italia, “Che avete contro le penne liscie?”

Se proprio ci si deve barricare in casa, meglio avere la pasta rigata anziché quella liscia. E questo ha dato modo a diversi utenti sui social network di sdrammatizzare sulla situazione Coronavirus Italia facendo un pò di ironia. “Ma la gente odia le penne”. “La pasta liscia è il male assoluto”. “È peggio del Coronavirus”. “Con le penne lisce abbiamo usato male il libero arbitrio”. Ed anche “Grazie per avermi lasciato le penne lisce”.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, il messaggio della dottoressa del Sant’Orsola | L’audio virale

“Immotivata la corsa all’alimento”

Ma c’è anche chi si scaglia contro le temibili farfalle. “Sono quelle il tipo di pasta più odiato. Persino dalla gente che svuota il supermercato dal panico”. “La cosa che più mi stupisce è che siano finite anche le farfalle: ma dai”. “Le farfalle fanno schifo a tutti. “Crude al centro e mosce fuori, dannate farfalle”. Attilio Fontana, presidente della Regione Lombardia, smorza i toni e dice: “Questa corsa agli alimenti è insensata. I rifornimenti sono assicurati”. Stessa versione fornita anche dalla Confcommercio.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, il presidente biologi: “Mi auguro che questa frenesia finisca”