Coronavirus, siamo nelle mani dell’equipe di Padova: parla il virologo

Coronavirus Burioni virologo rischio infezione virus sars
Coronavirus

Siamo nelle mani di Padova. Lì si studia il Covid-19. Un gruppo di lavoro specializzato in  epidemiologia per capire come il Coronavirus si è diffuso

E’ a Padova il luogo dove si studia il Covid-19. Un gruppo di lavoro specializzato in  epidemiologia per capire come il Coronavirus si è diffuso. Scopo è soprattutto sviluppare modelli che consentano di capire come si sta evolvendo la situazione e quindi dove agire. Questo è ora l’obiettivo del professor Andrea Crisanti che ha già preso contatti con i vertici della regione Veneto per mettere insieme competenze e risorse. Crisanti, professore ordinario di Microbiologia e virologia all’Università di Padova, è direttore del reparto di diagnostica microbiologica dell’Azienda ospedaliera di Padova. Fino a fine gennaio, insieme al suo gruppo di lavoro ha messo a punto il test per diagnosticare il Coronavirus. In quei giorni quindi non si potevano fare i test a tutti coloro che arrivavano dalla Cina. Ciò perché le disposizioni ministeriali non lo prevedevano e il contravvenire a esse avrebbe esposto i medici anche a sanzioni amministrative. «Con la scoperta della sequenza del virus – spiega Crisanti – l’Unità operativa complessa di microbiologia e virologia Azienda ospedaliera dell’Università di Padova ha messo a punto il test ha poi comunicato alle autorità competente i risultati del lavoro svolto. Tutto questo avveniva mentre veniva diffusa la direttiva ministeriale. Questa prevedeva il test solo alle persone che tornavano dalla Cina dalle aree infette o presentavano sintomi».

Siamo nelle mani di Padova, ma serve una linea guida

«In questo modo – prosegue il professore – a mio parere, si è persa l’opportunità per stabilire contatti proficui con la comunità cinese e seguirla, anche, in un’eventuale quarantena. Inoltre i portatori sani sono sfuggiti ai controlli e hanno trasmesso il virus. Ci si è ritrovati, così, nell’assurda situazione di avere pazienti italiani ricoverati negli ospedali per giorni prima che gli venisse fatto il test. Ciò perché non erano cinesi e non provenivano dalle zone focolaio». L’epidemiologia è una scienza molto complessa.  Essa prevede conoscenze di medicina, di igiene, di sanità pubblica, di matematici, di modellistica, di intelligenza artificiale e di raccolta dati. E’ quindi importante che le scelte politiche vadano concordate con la comunità scientifica. «È giusto – conclude Crisanti – che ci siano delle linee guida a livello nazionale. E’ importante però che siano flessibili. Devono poi essere capaci di modificarsi via via che emergono nuovi dati scientifici».

Coronavirus
(Getty Images)