Coronavirus Italia | Ivo Cilesi morto | “Non era anziano né malato”

Coronavirus Ivo Cilesi, noto esperto di Alzheimer, ha perso la vita consumato dalla malattia in soli 3 giorni. E sorgono ora tanti dubbi.

Coronavirus Ivo Cilesi
Morto per Coronavirus Ivo Cilesi FOTO yeslife

Sono 79 i morti ufficiali da Coronavirus Italia, secondo dati ufficiali diffusi al mattino del 4 marzo 2020. E tra questi figura anche l’eminente dottore Ivo Cilesi, notissimo personaggio della comunità scientifica e medica italiana ed anche mondiale. Lui era uno dei massimi esperti di morbo di Alzheimer in Italia e fautore della Doll Therapy. Cilesi è deceduto lo scorso 1° marzo, proprio a causa del Coronavirus, che ha agito su di lui in pochissimo tempo. Chi lo conosce, tra cui la compagna che le faceva anche da collaboratrice, riferisce che Cilesi non aveva alcun sintomo della malattia. Niente raffreddore né segni di una influenza in corso.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus sintomi, “scoperta importante sulla malattia”

Coronavirus Italia, Ivo Cilesi si è aggravato in soli tre giorni

Dopo essere andato a dormire tranquillamente nella notte di giovedì 27 febbraio, Ivo Cilesi ha accusato all’improvviso una grave crisi respiratoria. Cosa che lo ha costretto a farsi ricoverare al Pronto Soccorso all’ospedale di Fidenza dapprima e poi di Parma. Lui, originario di Genova, lavorava spesso a Salsomaggiore Terme, noto comune in provincia della città ducale, pur essendo residente nel Bergamasco. I medici lo hanno sottoposto a tampone da Coronavirus e sabato mattina è giunto l’esito della sua positività alla malattia. Da qui il trasferimento a Parma, dove le sue condizioni sono peggiorate fino a diventare irreversibili e lo hanno portato a morire. Nell’ambito di quella che è la situazione Coronavirus Italia, arriva anche la testimonianza di alcuni membri del suo team di ricerca a fanpage.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus e le scuole: drastica decisione del Governo in arrivo

“La sua morte mette in dubbio tante convinzioni sul Covid-19”

Questi hanno fatto sapere di non essere stati sottoposti a tampone e di trovarsi comunque in quarantena per via degli stretti contatti avuti con Cilesi. Ne parla una sua stretta collaboratrice ed amica, la dottoressa Paola Brignoli. “Siamo stati in Val Seriana, dove abbiamo impiegato mascherine, guanti e tutte le precauzioni del caso. Nessuno presentava sintomi da Coronavirus, tanto meno Ivo, che non stava affatto male. Non sappiamo cosa è successo, in tre giorni la malattia se l’è portato via. Era sanissimo, grosso di costituzione e niente affatto anziano, a 61 anni. Questo mette in dubbio molte delle convinzioni emerse nelle ultime settimane sul Coronavirus.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, l’epidemiologo: “Fondamentale ritardare il picco dell’epidemia”