Coronavirus | insieme da una vita | la drammatica fine a pochi giorni di distanza

Il tragico destino di due coniugi, uccisi dal Coronavirus. Sposati da decenni e decenni, sono morti in maniera triste e senza poter fare niente.

Coronavirus
Situazione Coronavirus allarmante FOTO Getty Marco Bertorello

Il quadro della situazione Coronavirus in Lombardia continua ad essere drammatico. Tra contagiati e vittime, ormai le persone direttamente toccate dagli effetti nefasti del virus Covid-19 dono tantissime.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, l’Italia è sempre più isolata

E non mancano anche le storie con un epilogo triste, come la vicenda dei coniugi di Albino morti a due ore di distanza in ospedale, dopo 60 anni di matrimonio e 8 giorni di isolamento assoluto in casa. Una storia simile riguarda anche i poveri Alberto ed Antonietta, di rispettivamente 81 e 79 anni. Vivevano a Guardamiglio, in provincia di Lodi, ed a fine febbraio l’esito del tampone per loro aveva riscontrato una positività al Coronavirus. L’uomo era stato ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Crema, lei invece a quello di Lodi. Sono morti entrambi, tra il 7 e l’8 marzo.

LEGGI ANCHE –> Il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità lancia un appello

Coronavirus, la fine drammatica di due coniugi

E la figlia racconta al quotidiano locale ‘Il Cittadino’ di come non abbia potuto stare accanto a loro. “Non abbiamo potuto raggiungerli, sapevamo che senza l’uno, l’altra non avrebbe resistito e viceversa. E così è stato”. Come detto, anche ad Albino, nel Bergamasco, ha avuto luogo una vicenda simile. Il dramma Coronavirus Lombardia sta dando adito a molte altre storie come questa. Luigi e Severa avevano 86 e 82 anni e si conoscevano dal 1960, anno del loro matrimonio. Il Coronavirus li ha uccisi. Il figlio Luca racconta che la mamma e il papà sono rimasti chiusi in casa con la febbre a 39 per 8 giorni. Poi finalmente i soccorsi li hanno raggiunti e li hanno tratti in ospedale. Ma dopo qualche giorno, entrambi sono morti, a distanza di un’ora e mezzo l’una dall’altro. “La situazione qui negli ospedali è drammatica, non c’è posto ed i medici penso proprio che stiano facendo selezione”, afferma il figlio. Attualmente lui sta seguendo una quarantena forzata con moglie e due figli.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, il drammatico racconto di una donna: “Non gli ho potuto dire ti voglio bene”