Coronavirus, da Wuhan il vero motivo per iniziare a sorridere

coronavirus come evitarlo
Coronavirus

Coronavirus, il modello cinese ha funzionato: così Wuhan è uscita dall’emergenza legata al Covid-19 

Il coronavirus continua a diffondersi nel mondo. Il nuovo Covid-19, inizialmente partito da Wuhan, è diventato un problema per tutti i paesi e per questo motivo l’organizzazione mondiale della sanità lo ha definito come pandemia nella giornata di ieri. I casi positivi continuano ad aumentare, così come il numero di decessi. In Italia, per esempio, ci sono 12.839 malati, con 1016 morti. Mentre la diffusione del coronavirus inizia a spaventare realmente l’Europa e l’America, in Cina i contagi sono quasi azzerati. Nella giornata di ieri, a Wuhan, sono stati registrati “appena” otto nuovi casi: la Cina considera superato il picco epidemico. Dopo due mesi, quindi, il paese asiatico ha quasi vinto la battaglia contro il nuovo virus e per questo motivo il modello cinese inizia ad essere preso in considerazione. Anche l’Organizzazione mondiale della sanità ha studiato il caso legato al contenimento dell’epidemia in Cina.

Leggi anche –> Coronavirus, Borrelli annuncia la percentuale dei decessi senza altre patologie

Coronavirus, così Wuhan ha superato l’emergenza

La Cina ha quasi superato l’emergenza coronavirus e a Wuhan, epicentro del nuovo Covid-19, iniziano a chiudere anche gli ospedali “provvisori”. Il governo cinese, per rallentare la diffusione del virus, ha adottato alcune misure alquanto drastiche. Nella provincia dell’Hubei, ad esempio, milioni di abitanti sono stati isolati e non potevano uscire dalle città. Come se non bastasse, la popolazione non poteva lasciare le case. In poche parole sono stati messi tutti in quarantena. In pochi giorni sono stati costruiti 14 nuovi ospedali per accogliere i pazienti e fronteggiare l’emergenza. Il sistema autoritario, però, ha sicuramente facilitato le cose. L’organizzazione mondiale della sanità ha iniziato a studiare il modello cinese e ne ha colto alcune indicazioni interessanti come collaborazione della popolazione, solidarietà per lo sviluppo di nuove conoscenze e collaborazione.

Leggi anche –> Coronavirus, tre morti a Roma, vittima anche nell’esercito

Coronavirus
(Getty Images)