Coronavirus Italia | Prodi svela il proprio dramma personale

Romano Prodi parla dell’emergenza Coronavirus Italia e con estrema amarezza svela anche cosa gli è successo. Succede in diretta a ‘DiMartedì’ su La7.

Coronavirus Italia prodi
Romano Prodi svela un aneddoto inerente la situazione Coronavirus Italia FOTO yeslife

Ha destato un pò di impressione quanto accaduto a ‘DiMartedì’ su La7. Nel programma condotto da Giovanni Floris è intervenuto in qualità di ospite, in collegamento da casa sua, Romano Prodi. L’ex presidente del Consiglio ha partecipato ad una puntata che più silenziosa non si poteva. Colpa della situazione Coronavirus Italia.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, rischi e conseguenze per lavoratori autonomi e partite Iva

Complice l’assenza del pubblico in studio per via delle disposizioni emanate dal Governo e relative ai divieti di creare assembramenti di persone per limitare al massimo la diffusione del Coronavirus, Prodi ha preso la parola fornendo il suo parere su quanto sta accadendo. Tra l’altro il Professore non era l’unico ospite. In diverse altre illustri personalità infatti hanno partecipato a ‘DiMartedì’ sempre in collegamento dalle rispettive abitazioni.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, America “sgancia bomba” sulla Cina: attacco frontale

Vita a casa: come cambiano le abitudini per il coronavirus

Coronavirus Italia, Prodi svela il suo retroscena personale

E tra una opinione e l’altra, c’è stato spazio anche per una amara rivelazione fatta da Prodi. A causa del proliferare del virus Covid-19, lui stesso ha ammesso quanto segue. “Pensavo che in questi giorni ho compiuto 80 anni. E nel corso della mia vita ho girato per tutto il mondo, ho visto di tutto. Almeno pensavo di avere visto di tutto. Perché non era mai successo a me personalmente di vivere qualcosa del genere. E per la prima volta da quando sono nato ho anche saltato la messa della domenica”.

Di seguito la puntata completa di ‘DiMartedì’ del 10 marzo 2020 –> VIDEO

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, parla l’operaio: “Siamo intrappolati, c’è un rischio in fabbrica”