Coronavirus, l’esperienza dell’attrice di Un Medico in Famiglia malata di cancro

Sabrina Paravicini si è recata in ospedale per sottoporsi alle cure chemioterapiche considerata la sua malattia: l’attrice ha parlato di un silenzio surreale nella struttura, dettato dalle misure di contenimento del nuovo coronavirus.

Sabrina Paravicini
Sabrina Paravicini (foto dal web)

Non tutta l’Italia si è fermata. A causa dell’emergenza da nuovo coronavirus numerose le attività sospese, finanche le visite mediche, ma non la somministrazioni di terapie salvavita per i pazienti oncologici. È il caso di Sabrina Paravicini che da anni combatte contro il cancro. L’ex attrice di Un Medico in Famiglia, si è recata in ospedale per lo svolgimento delle sue cure ed ha trovato un ambiente che mai si sarebbe immaginata.

Leggi anche —> Juventus, Ronaldo rimane in Portogallo: le sue condizioni di salute

Coronavirus, Sabrina Paravicini: “Passerà. Passerà anche questa. Per ora sono felice che le nostre cure siano garantite

Sabrina Paravicini, una delle attrici più apprezzate del cinema italiano, da tempo combatte contro il cancro. Come tutti i paziente oncologici segue una costante terapia la cui somministrazione avviene in ospedale. Anche in questo particolare momento, in cui l’epidemia da nuovo coronavirus si sta diffondendo in Italia e molte attività sono sospese, ai pazienti con tali patologie è ovviamente garantito il proseguo delle cure. Ed è proprio riguardo alla sua ultima esperienza in ospedale che l’ex attrice di Un Medico In Famiglia, ha voluto esprimere le proprie sensazioni.

Sabrina Paravicini, riporta la redazione di Leggo, ha riferito di aver trovato in ospedale un ambiente diverso. Il silenzio regnava incontrastato. Il personale sanitario con camici e mascherine camminavano nei corridoi completamente vuoti come la sala d’aspetto in cui qualche giorno fa c’era gran rumore e movimento. “Ricordo l’ultima volta 21 giorni fa che era piena e rumoreggiante. Oggi quello che mi colpisce di più è il silenzio. Un silenzio severo. Un silenzio triste. Il luogo di cura che mi ha accolta e accudita oggi sembra diverso. Austero. È giusto così. Siamo in emergenza”.

L’attrice ha proseguito poi, riporta Leggo, dicendo: “Ci salutiamo con le infermiere e dalla voce sentiamo il sorriso che non possiamo vedere sotto alle mascherine. Passerà. Passerà anche questa. Per ora sono felice che le nostre cure siano garantite. E non era scontato. Ringrazio – dice Sabrina Paravicini- tutti i medici e gli infermieri che stanno facendo il loro lavoro nonostante tutto. Passerà. Ne usciremo migliori“.

Dopo l’esperienza in ospedale, Sabrina Paravicini è stata dal suo medico curante. Anche lì ha scoperto che la situazione a causa del coronavirus ha modificato la prassi. “Ho dovuto chiamarlo al telefono, mi hanno fatto impressione soprattutto due cose: sentire la sua voce contemporaneamente al telefono e al di là della porta, ma anche quel foglio passato sotto la porta. Voglio precisare – ha affermato l’attrice stando a quanto riporta Leggoche sono d’accordo con le misure prese dal mio medico. Non ero preparata a misure tanto restrittive ma non sono assolutamente stata trascurata . Anzi”.

Leggi anche —> Coronavirus, l’epidemiologo è chiaro: “Il nostro sistema sanitario rischia di non farcela”

Coronavirus
(Getty Images)