Coronavirus e quarantena: i cibi da evitare per non ingrassare

Coronavirus e quarantena: i cibi da evitare per non ingrassare

ritiro alimentare
Quattro disposizione di ritiro alimentare dal Ministero della Salute (Foto dal web)

A causa del coronavirus non possiamo uscire di casa. Siamo costretti a questo periodo di quarantena dove non possiamo vivere i nostri impegni di tutti i giorni, il lavoro, la palestra, le uscite con gli amici, tutto quello che possiamo fare è stare in casa e cercare di intrattenerci con quello che abbiamo. Siamo molto fortunati perché abbiamo il WI-FI, televisione, cellulare, distrazioni di ogni tipo, eppure non riusciamo a fare a meno di cedere alle tentazioni. Al cibo. Non riusciamo proprio a fare a meno di mangiare a quantità industriale. Si tratta di fame psicologica, non l’abbiamo ma pensiamo di averla e questo ci porta ad alzarci dal letto soltanto per andare a vedere cosa c’è nel nostro frigorifero e nelle dispense. Frughiamo tra merendine, patatine e cioccolato. Così per tutto il giorno, rischiando di mettere su davvero tanto peso in questo periodo già critico di per sé.

Cosa succede se mangi patate per un anno –> LEGGI QUI

Per mantenere la forma fisica durante l’isolamento, scegliete pasti leggeri da suddividere in 5 momenti della giornata. A colazione non rinunciate ad una tazza di caffè, accompagnata da latte, tè o una spremuta di frutta fresca. Poi qualche fetta biscottata o del pane tostato con marmellata o miele. A metà mattinata potete concedervi uno spuntino: un po’ di frutta secca o uno yogurt sono l’ideale. A pranzo un primo piatto con un contorno di verdure. Nel pomeriggio arriva l’ora della merenda: una bevanda calda con qualche biscottino. Magari una piccola porzione di gelato alla frutta o un pezzettino di cioccolato fondente. Per la cela, l’ultimo pasto della giornata, alternate pesce, carni bianche, passato di verdure, uova e formaggi.

Cibi contaminati
Cibi contaminati, nuovo allarme dal Ministero della Salute (foto dal web)