Serie A, Gravina fa il conto dei danni e lancia una nuova data

Foto calciomercato

Il destino della serie A è ancora molto incerto. Il presidente della Figc, Gabriele Gravina fa il conto dei danni ed è pronto a giocare anche a luglio

Il calcio è in fermento. La vicenda della pandemia costringe a navigare a vista ma nello stesso tempo bisogna ragionare sulle possibili date terminali delle manifestazioni. La Uefa ha rinviato l’Europeo, ma il destino della serie A è ancora molto incerto. Il presidente della Figc, Gabriele Gravina, ha dichiarato: “Per noi i campionati nazionali hanno la priorità”, rispetto alle competizioni internazionali che sono invece tutelate dall‘Uefa. “Lo abbiamo già fatto presente — ha detto il presidente a Radio 24 — non vogliamo penalizzare nessuno, ma così come noi valutiamo dei cambi di format in caso di riduzione delle finestre per giocare, così deve fare l’Uefa rimodulando Champions e Europa League”. Al momento la situazione è questa: “Grazie al rinvio dell’Europeo, che avevamo fortemente auspicato, abbiamo maggiori possibilità di posizionare le date per i recuperi tra maggio e giugno, sperando che la deadline del 30 giugno sia sufficiente. Altrimenti noi, come la Federazione spagnola, chiederemo la possibilità di sforare di 10-15 giorni a luglio”.

Gravina fa il conto dei danni ed è sicuro di ripartire

E sulla ripresa del campionato: “Non voglio nemmeno pensare che non si riparte, sarebbe una iattura, mi preoccuperebbe per il nostro Paese. Resto convinto che ci sarà una ripresa: noi ipotizziamo il 3 maggio in modo da chiudere tutti i campionati entro giugno. La Uefa ha fatto diverse ipotesi, la piu ottimistica indica il 14 aprile, mantenendo la formula attuale, un’altra i primi maggio, l’ultima il 13 giugno. Negli ultimi due casi andrebbero cambiati i format, non escludendo l’ipotesi playoff e playout“. E le coppe? “L’Uefa dice che la finale della Champions sarà il 27 giugno e quella dell’Europa League il 24. Senza dimenticare che dal primo al 9 giugno ci sarebbero anche i playoff per individuare le quattro squadre mancanti per la fase finale dell’Europeo che toglierebbero altre tre finestre”.

calcio e coronavirus
Pallone Bundesliga (foto dal web)

Leggi anche > Rugani, notizia positiva

Leggi anche > Sky, fuga dei clienti