Lascia il centro dell’epidemia e raggiunge Messina: il surreale piano di fuga di un uomo

Un uomo ha lasciato Lodi ed ha raggiunto Messina fingendosi un clochard: in piena emergenza coronavirus ha dichiarato che non sopportava più le continue liti con la moglie.

Coronavirus
(Getty Images)

Sono trascorsi 8 giorni da quando il Premier Giuseppe Conte ha emanato il DecretoIo resto a casa”. Una misura necessaria per poter contenere l’epidemia da nuovo coronavirus che sta dilagando in Italia. C’è chi ha compreso la reale portata del problema, la necessarietà di rimanere in casa e chi invece crede di poter, in barba alle regole, lasciare la propria abitazione. A questi si aggiungono poi i casilimite”, ossia coloro che non solo infrangono le misure di contenimento, ma che lo fanno in un modo così irresponsabile ed eclatante da finire sulle prime pagine di cronaca. È il caso di un uomo che da Lodi (ricordiamo, uno dei focolai dell’epidemia) ha viaggiato fino a Messina fingendosi un clochard, un senza tetto. Il motivo dell’incomprensibile gesto? Non sopportava più le liti continue con la moglie.

Leggi anche —> Coronavirus Italia, le vittime dell’epidemia: tutto quello che c’è da sapere

Lascia la propria abitazione di Lodi e si reca a Messina fingendosi un clochard: non sopportava più la moglie

Non è possibile lasciare la propria abitazione se non in casi tassativamente previsti. Stato di necessità, motivi di salute, esigenze lavorative e per fare rientro nel proprio domicilio o residenza. Ad 8 giorni dall’emanazione del Decreto dovrebbe essere chiaro. Eppure la natura umana non smette di stupire. Un uomo di Lodi ha deciso di lasciare la propria abitazione e raggiungere Messina. Per fare ciò si è finto un clochard. Il motivo? Non sopportava più le liti con la moglie.

Nessuna esigenza, nessuna necessità: a portarlo ad attraversare l’Italia intera, partendo da uno dei focolai dell’epidemia, l’esasperazione. Una storia che ha davvero dell’inverosimile. Cosa è accaduto nello specifico?

La notte del 16 marzo scorso, un uomo è stato fermato nei pressi del porto di Messina dopo essere sceso dal traghetto. Fermato dalle Forze dell’Ordine, riporta l’Huffington Post, ha dichiarato alle forze dell’ordine di essere un clochard. Ciò ha ovviamente fatto attivare i servizi sociali i quali si stavano adoperando per trovargli un posto per trascorrere la notte. Nel corso dei controlli però è emersa la verità. L’uomo era scappato da Lodi, uno dei centri dell’epidemia. Non sopportava più la moglie, questo quanto dichiarato ai militari. Accertata la ricostruzione dei fatti, l’uomo è stato immediatamente rispedito a casa e denunciato.

Leggi anche —> Coronavirus, Giovanni Rezza: “Infezione diffusasi a macchia di leopardo”

Clochard
(Getty Images)