Ambiente, Italia leader in economia circolare e usa e getta ma perde terreno

Italia al primo posto per l’economia circolare e nella lotta contro l’uso e getta, secondo il ‘Rapporto nazionale sull’economia circolare in Italia‘ 2020

Ambiente Italia economia-circolare usa getta Unione Europea
Ambiente (Getty Images)

L’Italia si conferma in testa per quanto riguarda l’economia circolare e contro l’usa e getta. Negli scorsi mesi però ha perso punti e calano le persone occupate, mentre Francia e Polonia sono in crescita. Questo è il quadro che emerge dal 2/o ‘Rapporto nazionale sull’economia circolare in Italia‘ 2020, effettuato dal CEN-Circular Economy Network, rete promossa dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile e da varie altre aziende e associazioni di impresa, e da Enea.

Tutto questo è stato reso noto dal presidente CEN, Edo Ronchi, e dal direttore del Dipartimento sostenibilità dei sistemi produttivi e territoriali Enea, Roberto Morabito, nel corso di una presentazione avvenuta in streaming. All’interno di essa è trapelato che ogni persona nel Mondo usa oltre 11.000 chili di materiali all’anno. Di essi un terzo diventa dopo poco un rifiuto e termina solitamente in discarica. Dopo un anno soltanto un altro terzo viene ancora utilizzato. Il consumo di materiali aumenta al doppio del ritmo rispetto quello delle persone sulla Terra.

LEGGI ANCHE —> Shampoo solido: zero impatto sull’ambiente ed efficacia

Ambiente, indice di circolarità: Italia prima ma “sta perdendo posizioni”

Per riuscire ad uscire uscire dalla cosiddetta economia estrattivista “responsabile di buona parte della crisi climatica e ambientale, a cominciare dall’invasione dell’usa e getta” è necessaria l’economia circolare. Stiamo parlando della possibilità di usare materiali e anche oggetti che sono in gradi di essere riciclati ed utilizzati così diverse altre volte. Stando al Rapporto, l’Italia è prima tra le cinque principali economie europee, nella classifica per indice di circolarità.

Il valore viene assegnato in base al grado di utilizzo efficiente delle risorse diviso per cinque categorie: produzione, consumo, gestione rifiuti, mercato delle materie prime seconde, investimenti e occupazione. Alle spalle del nostro Paese, ma a distanza, ci sono Germania e Francia, con 11 e 12 punti in meno. “Ma stiamo perdendo posizioni“, secondo il Rapporto. Sono infatti in rapida crescita Francia e Polonia, rispettivamente con più 7 e più 2 punti di tasso di circolarità nell’ultimo anno. Per quanto riguarda il lavoro, siamo dietro solo alla Germania, con 517.000 occupati contro 659.000. In percentuale i soggetti che in Italia lavorano nei settori ‘circolari‘ sono il 2,06% del totale, valore più alto rispetto media dell’Unione Europea a 28 che è dell’1,7%.

Ambiente Italia economia-circolare usa getta Unione Europea
Ambiente (Getty Images)

LEGGI ANCHE —> Gli alimenti bio hanno un minore impatto sull’ambiente?