Covid-19, anziano esce per donare 50 euro all’ospedale di Cremona – FOTO

foto dal web

Straordinario gesto di umanità a Cremona. Un anziano esce mettendosi a repentaglio per donare 50 euro all’ospedale: reparti in lacrime

Straordinario gesto di umanità a Cremona. Un anziano esce mettendosi a repentaglio per donare 50 euro all’ospedale. Ha corso il rischio serio di mettere in pericolo la propria vita per donare quello che poteva in quel momento. E pensare che chi l’aveva visto in giro nel parcheggio dell’ospedale stava per segnalarne l’imprudenza. “Cinquanta euro anti virus”: questo il messaggio scritto su un biglietto consegnato da un anziano all’ospedale di Cremona. L’uomo è uscito dalla sua abitazione e ha portato la banconota di persona al reparto di terapia intensiva della sua città per contrastare l’emergenza coronavirus. “Lo abbiamo notato nel parcheggio dell’ospedale – si legge sui canali social del nosocomio -. Sembrava che fosse alla ricerca di qualcuno che potesse ascoltarlo.

Anziano esce per donare, la reazione

La storia dell’anziano è rimbalzata immediatamente sui social, in particolare su Facebook. “Stamattina, un signore molto anziano, è uscito di casa, a piedi per fare una consegna decisamente speciale. Arrivato nel parcheggio dell’Ospedale di Cremona, si aggirava con passo incerto e solida determinazione, alla ricerca di qualcuno che potesse ascoltarlo – si legge nel post pubblicato dalla struttura sanitaria -. Fra le mani una banconota, un foglio bianco e un messaggio inequivocabile: OFFERTA 50,00 EURO ANTI VIRUS. Non c’è aggettivo che possa definire questo gesto di pura bellezza, dal valore umano inestimabile. Impossibile dire grazie con altrettanta nobiltà e tenerezza. Inutile raccontare che, di nuovo, ci siamo tutti commossi, nel profondo”. Anche gli utenti sono rimasti colpiti dal gesto: c’è chi, in questo caso, benedice “la tipica testardaggine italiana”, chi promette di rivolgergli una preghiera o chi ne esalta “il cuore grande, tipico degli uomini d’altri tempi”.

Leggi anche > Virus, l’allarme dell’Oms

Leggi anche > Virus, troppi medici che muoiono