Coronavirus Cina: efficace un farmaco sviluppato in Giappone

Coronavirus farmaci
(foto dal web)

Coronavirus Cina: nel paese asiatico è stato testato un farmaco sviluppato in Giappone. 

Il coronavirus continua a diffondersi nel mondo. Ogni giorno, in tutto il mondo, aumentano i casi e i morti causati dal nuovo covid-19. Nella giornata odierna è stato registrato un triste record per l’Italia: il numero di vittime complessive ( 3.405) ha superato quelle della Cina (3.245). Proprio nel paese asiatico il peggio sembra alle spalle: nessun nuovo caso nelle ultime 24 ore a Wuhan, epicentro del nuovo coronavirus. Nessuna segnalazione locale è arrivata in tutte le zone del territorio cinese. Ci sono alcuni casi importati da altre parti del mondo – come i due italiani arrivati da Parigi- e la Cina proverà ad evitare un nuovo aumento dei contagi. In tutto il mondo i ricercatori e gli esperti stanno provando a studiare medicinali e vaccini (qui ci vorrà tempo) efficaci contro il virus. Le autorità cinesi hanno confermato che un farmaco prodotto da un’azienda giapponese si è dimostrato efficace.

Leggi anche –> Trump annuncia un farmaco valido anti coronavirus

Coronavirus Cina: gli effetti di un farmaco sviluppato in Giappone

Secondo quanto riportato dal “Guardian”, il ministero cinese ha rimarcato i risultati ottenuti grazie all’impiego del favipiravir, sviluppato da un’azienda giapponese. Il farmaco sarebbe stato utilizzato su 340 pazienti tra Wuhan e Shenzhen. I pazienti sarebbero risultati negativi dopo 4 giorni dalla positività, mentre chi non prendeva il farmaco avrebbe impiegato 11 giorni per arrivare a questo risultato. Le condizioni polmonari dei pazienti trattati sarebbero migliorare del 91%. La Fujifilm Toyama Chemical, sviluppatrice del farmaco, non ha ancora rilasciato commenti ufficiali. Un’anonima fonte del ministero della Sanità giapponese, però, avrebbe dichiarato che il farmaco non sembra funzionare bene quando il virus si è già moltiplicato. In Italia, l’oncologo Paolo Ascierto ha sperimentato il farmaco per l’artrite sul covid-19: secondo i dati, il Tocilizumab riesce a ridurre la reazione infiammatoria prodotta dal virus. In America, invece, Trump ha approvato l’uso dei farmaci anti-malaria.

Leggi anche –> Covid-19 Cina, la situazione oggi a Wuhan spiegata da un’italiana 

Coronavirus farmaci
Coronavirus, farmaci a rischio esaurimento scorte (foto dal web)