I super chiuderanno prima ma è una buona idea?

I super mercati nella Regione Lazio chiuderanno prima: ieri è stato raggiunto un accordo sugli orari tra i rappresentanti della Grande Distribuzione Organizzata e i sindacati confederali del settore (Cgil Cisl e Uil). Ma è davvero una buona idea?

I super chiuderanno prima ma è una buona idea?
Supermercato (foto Pixabay)

In base all’accordo i supermercati del Lazio apriranno alle 8,30 e chiuderanno alle 19 dal lunedì al sabato e alle 15 la domenica.
Alcuni negozi della gdo hanno deciso di chiudere per le prossime due domeniche.

Non è ancora chiaro se altre Regioni riterranno di seguire l’esempio ma è interessante riflettere sulle finalità e sulla sensatezza della restrizione.

Infatti, se è vero che con orari ridotti sarà più semplice gestire il lavoro dei commessi che al momento sono spesso sottoposti a super lavoro, è anche vero che orari ridotti significano minori possibilità di acquisto.

Leggi anche —>Coronavirus Italia, consigli su come fare la spesa in una sola volta

Ma se le code dei super si allungano non è peggio?

Purtroppo, il timore è che le code aumentino anche perchè come sappiamo non è quasi possibile effettuare la spesa online.

Crediamo erroneamente che le persone siano sempre in coda al super per superficialità, vanità, stupidità.
Non pensiamo mai che invece magari le persone in fila hanno dei bisogni reali e impellenti esattamente come i nostri quando ci rechiamo al supermercato.
Fatichiamo, cioè, come sempre a specchiarci negli altri che ci sembrano sempre i veri responsabili dei disastri ai nostri danni.

In questo momento più che mai potrebbe avere senso organizzare o incentivare i gruppi solidali d’acquisto che permettono l’approvvigionamento di più famiglie anche attraverso app. Lo smistamento potrebbe essere effettuato da persone che non sono occupate, ovviamente dotate dei dispositivi di protezione necessari.

In questi giorni tra le tante cose che si sono arrestate o quasi c’è ad esempio la vendita di prodotti rimasti invenduti o in scadenza e a soffrirne sono, oltre a pochi illuminati che adottano queste condotte per scelta, le fasce più deboli che ne usufruivano per bisogno.

Ecco, è dei bisognosi che i decreti sembrano essersi dimenticati. Di chi non ha casa o ce l’ha molto angusta, di chi ha una situazione famigliare complicata dai rapporti interpersonali oppure da malattie psichiche o fisiche.

Forse è proprio la Grande Distribuzione Organizzata a non servirci più come prima.

I super chiuderanno prima ma è una buona idea?
Negozio di alimentari (foto Pixabay)