Abbigliamento, quale scegliere per stare a casa

Al tempo del coronavirus è importante non lasciarsi andare. È bene scegliere comodità e benessere per il proprio abbigliamento ma senza perdere lo stile

Coronavirus
Abbigliamento quarantena (pixabay)

Al tempo del coronavirus cambiano anche le abitudini per stare in casa. Per molti significa relax totale, badare poco al look e tenere magari, i caldi e comodi pigiamoni durante tutto il giorno. Bello sì ma sarebbe meglio evitare. Perché? Questo richiama a lasciarsi andare e invece non si deve. Anche l’abbigliamento per stare in casa vuole la sua parte. Non è necessario vestirsi in outfit da ufficio ma è bene non essere trasandati scegliendo qualcosa di comodo, pratico ma anche bello.

Tenere alto il morale e curare comunque il proprio aspetto è una delle regole basilari di questo periodo di quarantena. Stare a casa non significa solo buttarsi sul divano per guardare film e ascoltare musica. Ci può essere anche quello certo, ma non solo. Molta gente infatti lavora d casa grazie allo smart working e non può permettersi di rimanere in pigiama. Chi non lavora, invece, può dedicarsi allo sport e all’allenamento, ad esempio. Si possono fare video lezioni di ogni tipo dallo yoga al design.

E allora come vestirsi in casa in periodo di quarantena? Parola d’ordine comodità ma non senza stile. Quello è bene che non cada mai pur scegliendo benessere e facilità di movimento.

Leggi anche –>  Coronavirus: come prenderci cura di noi stessi con la quarantena

Abbigliamento, tra stile e comodità

In periodo di quarantena stare a casa rimane legato al concetto di relax. Non ci sono dubbi. L’importante è farlo con cura, per non perdere lo stile ed essere trendy anche a casa. Certamente è bene scegliere degli indumenti che favoriscono il movimento, che siano comodi, caldi ma anche leggeri. I tessuti moderni sono infallibili, tecnici, naturali e anche leggeri da indossare e non rinunciano alla comodità.

Le collezioni di underwear permettono di spaziare tra abbinamenti di colori e modelli diversissimi. Sono morbidi, quasi che ci abbracciano ma ci danno quel tocco di sensualità che non può mai mancare.  E poi dedicare un po’ di tempo all’outfit anche per chi lavora da casa rende più produttivi.

Spaizo a maglioni e maglioncini, carini ma comodi come ai jeans o ai pantaloni a vita alta, belli da vedere ma assolutamente non costrittivi. Altro grande segreto, infine, è quello di vestirsi a strati per modificare l’abbigliamento a seconda la temperatura.

E poi ci sono le calzature. Pantofole si ma fino ad un certo punto. Meglio indossare scarpe confortevoli, sicure e ben aderenti che non scivolano.

Leggi anche –>  Musica, la classifica delle canzoni più suonate dai balconi

Abbigliamento
Outif quarantena (pixabay)