Se il soggiorno é annullato a causa del Covid19 spetta il rimborso?

Il Decreto Legge n.18/2020 prevede che in caso di annullamneto del soggiorno si applichino le conseguenze della «forza maggiore» ma questo significa che l’albergatore è tenuto al rimborso?

Se il soggiorno é annullato a causa del Covid19 spetta il rimborso?
Macchina fotografica e istantanee (foto Pixabay)

Nel caso in cui un soggiorno prenotato prima dell’emergenza Coronavirus – Covid19 e che sia stato poi annullato ci si chiede se spetti un rimborso o meno.

Si tratta di capire se questa ipotesi di annullamento rientri o meno nella causa di forza maggiore o meno. Infatti, il DL n. 9 del 2 marzo 2020 ha riconosciuto il diritto di recesso per impossiblità sopravvenuta a favore di chi abbia acquistato pacchetti turistici da/verso aree che siano interessate dal contagio.

Pertanto, nel caso in cui un soggiorno o un pacchetto turistico siano annullati a causa delle restrizioni introdotte dal Governo al fine di limitare i contagi da Coronavirus – Covid19, a fronte del recesso da parte del viaggiatore, l’organizzatore del viaggio dovrà provvedere al rimborso integrale oppure, in alternativa,  a fornire voucher di importo pari al dovuto.

Leggi anche —>Coronavirus e contratti: signore e signori la forza maggiore

Leggi anche —>Il Decreto cura Italia è in vigore

Il soggiorno annullato può essere rimborsato?

A seguito poi dell’introduzione del Decreto Legge n. 18/2020, anche l’albergatore dovrà provvedere a rimborsare il viaggiatore che non possa usufruire del soggiorno prenotato a causa del Coronavirus – Covid 19.

L’art. 88 del Decreto Legge n. 18 del 2020 stabilisce infatti: “Art. 88 (Rimborso dei contratti di soggiorno e risoluzione dei contratti di acquisto di biglietti per spettacoli, musei e altri luoghi della cultura) 1 Le disposizioni di cui all’articolo 28 del decreto-legge 2 marzo 2020, n. 9 si applicano anche ai contratti di soggiornoper i quali si sia verificata l’impossibilità sopravvenuta della prestazione a seguito dei provvedimenti adottati ai sensi dell’articolo 3 del decreto legge 23 febbraio 2020 n.6″.

Quindi, chi ha effettuato prenotazioni per soggiorni o pacchetti turistici avrà modo di esercitare il proprio diritto di recesso e richiedere quindi l’annullamento del contratto alla base dei suddetti servizi.

Se il soggiorno é annullato a causa del Covid19 spetta il rimborso?
Soggiorno (foto Pixabay)