Covid-19 Italia, le parole del viceministro Sileri dopo la guarigione

Coronavirus
Coronavirus(Getty Images)

Covid-19 Italia, il viceministro della salute Pierpaolo Sileri ha rilasciato alcune dichiarazioni dopo essere guarito. 

Il viceministro della salute Pierpaolo Sileri, più di una settimana fa, è stato positivo al test per il coronavirus dopo un contatto con un sospetto portatore. Il vice di Roberto Speranza si è sottoposto all’isolamento in casa e ha continuato a lavorare da remoto. Sileri, nei giorni scorsi, ha raccontato la sua esperienza spiegano di aver perso anche il gusto e l’olfatto durante i giorni di malattia. Il viceministro alla Salute ha confermato di aver sostenuto i due tamponi consecutivi a 24 ore l’uno dall’altro come da protocollo: entrambi sono fortunatamente risultati negativi. Nella giornata odierna, Sileri ha rilasciato altre interessanti dichiarazioni.

Leggi anche –> Coronavirus, non solo anziani: a Bergamo 1800 trentenni con la polmonite 

Covid-19 Italia, le dichiarazioni di Sileri

Sileri ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Tgcom24.Rimango in attesa del nulla osta dei medici per tornare ad abbracciare la mia famiglia e continuare a lavorare“. Il viceministro ha anche spiegato il suo punto di vista sulla malattia. “Questa influenza è come una guerra: l’insufficienza respiratoria è immediata e senza preavviso. Combattere un virus che è un qualcosa di microscopico è dura”. Sileri, inoltre, è intervenuto anche ai microfoni di “Lavori in corso” su Radio Radio e ha parlato dell’Avigan, il farmaco giapponese diventato famoso negli ultimi giorni per la sua presunta efficacia contro il coronavirus. Il medico e politico romano ha dichiarato che l’antivirale giapponese è diventato famoso attraverso un video discutibile e che ci sono altri trenta farmaci in sperimentazione. Gli esperti, infatti, stanno cercando una cura per il covid-19. In Italia, pare avere effetto il farmaco anti-artrite: in un ospedale di  Napoli sono stati estubati altri 4 pazienti.

Leggi anche –> Coronavirus, lo studio dei virologi dimostra quanto tempo resiste nell’aria