La dieta che elimina l’infiammazione e fa dimagrire

La dieta per un fegato sano. Evita infiammazioni e aiuta a dimagrire. Un’alimentazione corretta che serve soprattutto in questo periodo

dieta
Cibi per una dieta alimentare (getty images)

In questi giorni di quarantena per la maggior parte delle persone è difficile fare attenzione all’alimentazione, ancora di più seguire una dieta. Ma è proprio in questa situazione che il nostro corpo ha bisogno di un corretto stile di vita, che serve a combattere l’ansia e lo stress di questo brutto periodo. Alcuni esperti parlano di una dieta per un fegato sano a base di omega 3 e verdure. Tra gli alimenti, quelli in cima alla lista che portano benefici al fegato sono il salmone, il tonno e le sardine, ricchi di omega 3 e ottimi per ridurre i marker infiammatori.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Tik Tok, boom in quarantena tra vip e non solo

La dieta per un fegato sano, la lista degli alimenti

Pesce nella dieta
pesce nella dieta (Getty Images)

Gli alimenti che possono aiutare il fegato sono tanti. Il caffè è uno di questi. Grazie alla caffeina riesce a ridurre il numero degli enzimi epatici anomali. Tra le verdure spiccano i broccoli, che servono a diminuire il numero dei trigliceridi a livello epatico.  Sono ottimi anche spinaci e cavoli. Anche il tofu, secondo uno studio sperimentato sui topi, riduce i trigliceridi epatici e tende a migliorare l’intera salute del fegato. E ancora, le noci sono ricche di grassi ma ottime per il fegato o l’avocado, ottimo per combattere la galattosamina, una delle più pericolose tossine epatiche. Esistono però anche molti alimenti da evitare: gli zuccheri aggiunti, tipo caramelle, cioccolatini, bibite zuccherate, poi formaggi grassi, insaccati, fritture, snack e infine alcolici. 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Diletta Leotta e le pulizie di primavera, i followers esplodono – FOTO

dieta
Alimenti da mangiare (getty images)

Ovviamente è fondamentale chiedere consigli al proprio medico curante e se si volesse iniziare una dieta specifica bisogna consultare un nutrizionista o un dietologo.