Ylenia Carrisi | il detective svela | “Sappiamo dov’è e chi la nasconde”

A fine 1993 Ylenia Carrisi sparì dalla circolazione e da allora non se ne sa più niente. Ma c’è chi sarebbe in possesso di informazioni segrete su di lei.

Ylenia Carrisi
Testimonianze di un ufficiale di polizia su Ylenia Carrisi (Foto dal web)

Si ritorna a parlare di Ylenia Carrisi, la figlia primogenita di Al Bano e Romina Power scomparsa il 31 dicembre 1993. Allora la ragazza aveva 24 anni, oggi ne avrebbe 49. In tutto questo tempo di lei non si è mai saputo nulla e le segnalazioni arrivate a riguardo – tra l’altro nemmeno poche – sono sempre culminate in speculazioni od in buchi nell’acqua.

LEGGI ANCHE –> Ylenia e l’assist di Yari | Il messaggio alla figlia di Albano e Romina

Il giornalista Roberto Fiasconaro ha realizzato tre libri dedicati alla scomparsa di Ylenia Carrisi. In essi ci sono tutti i dati ufficiali inerenti questo caso di persona scomparsa, ed anche dichiarazioni ufficiali rilasciate dalla famiglia Carrisi. Inoltre sono presenti anche interviste di membri della polizia di New Orleans. La giovane sparì proprio nella città statunitense, dove soggiornava in un albergo del posto con un controverso personaggio. Si tratta di un trombettista, un certo Aleksander Masekela, che nel corso della sua vita – tuttora in corso – ha avuto problemi di droga e di violenza inferta sulle donne.

LEGGI ANCHE –> Ylenia morte | le cose che nessuno ha mai detto di lei

Ylenia Carrisi, la polizia americana non può fare niente

Gwen Guggenheim, la detective capo indagini che coordinò l’inchiesta di ricerca di Ylenia Carrisi, è sempre stata convinta che la ragazza abbia assunto una nuova identità. È suo pensiero radicato che l’italiana viva da tempo all’interno di un convento greco-ortodosso. Di lei poi circola da circa un anno una ricostruzione di quale sarebbe il suo aspetto. Guggenheim afferma di essere a conoscenza di indizi che confermerebbero dove si trovi attualmente Ylenia, ma che non può svelare niente a causa delle indagini. Emerge anche un ulteriore dettaglio, alquanto assurdo. Le autorità infatti sostengono di non potere effettuare un controllo diretto all’interno di quel convento in quanto sulla Carrisi non è in attoalcun procedimento penale. Frate Samuel, centralinista della struttura religiosa, ha anche svelato un’altra informazione. Il 2 gennaio 1994 sparì da lì una giovane donna, che lavorava in quel convento come giardiniera. “Era molto turbata, se ne andò in tutta fretta. Disse di volere andarsene in Asia”.

LEGGI ANCHE –> “Ricordo il pianto di mia madre” la verità di Cristel Carrisi su Ylenia

E poi emergono anche alcuni vociferati contrasti tra la ragazza ed Al Bano, che spesso erano portati a litigare. Il cantante non si è mai dato pace per non essere riuscito a proteggere la propria figlia.