La bozza del Dpcm prevede il lockdown fino al 3 maggio

In attesa della conferenza stampa del Presidente Conte, a soli tre giorni dalla scadenza delle misure dell’ultimo decreto, la bozza del nuovo Dpcm prevede il lockdown fino al 3 maggio, con riapertura delle librerie e altre novità.

 

La bozza del Dpcm prevede il lockdown fino al 3 maggio
Bandiera UE (foto Pixabay)

Con il nuovo decreto la proroga della chiusura arriverà fino al 3 maggio.
La bozza del decreto di Conte confermerebbe infatti tutte le misure di limitazione degli spostamenti nonchè di esercizio delle attività produttive.

Le novità riguarderebbero alcuni settori: il commercio di carta, cartone e articoli di cartoleria nonchè la rivendita di libri (le librerie dunque) nonché i negozi di abbigliamento per bambini e neonati, salve sempre le norme di sicurezza.

Pertanto alcune categorie Ateco che oggi comprendono attività sospese torneranno a essere attive.

Leggi anche —>Grande distribuzione e online alla grande

Leggi anche —>Casatiello Napoletano | il re della tavola a Pasqua | la ricetta

Le novità del dpcm e le parole di Conte sul Mes

La bozza del Dpcm prevede il lockdown fino al 3 maggio
Ora del té (foto Pixabay)

Quasi certamente verrà inoltre costituita una vera e propria task force formata da esperti (scienziati, sociologi, economisti e giuristi) che avrà il compito di indicare la via da perseguire per la ripresa post Covid-19. E alla guida di questa task force ci sarebbe Vittorio Colao, ex amministratore delegato di Vodafone.

Conte intanto ha ribadito su twitter: «Io ho una sola parola: la mia posizione e quella del governo sul Mes non è mai cambiata e mai cambierà. Più tardi in conferenza stampa vi aggiornerò su questo e su altre importanti questioni che riguardano il nostro paese.
A più tardi».

La posizione che fino ad ora Conte ha espresso sul Mes è negativa. Vito Crimi  (M5S) ha dichiarao a Radio 1, come riportato su vari quotidiani: “Chiariamo bene una cosa: il Mes non è stato attivato. Chi lo dice fa male al Paese. E’ stata solo fatta una proposta; noi non accettiamo il Mes perché le condizioni non ci sono ora ma ci saranno: il testo dice di no ma il Trattato dice di sì. Noi riteniamo il Mes uno strumento non idoneo ad affrontare la crisi: non adesso ma nel futuro. Certo potremmo avere un atteggiamento opportunistico, procediamo ora, poi un domani si vedrà: ma non lo faremo.”

La bozza del Dpcm prevede il lockdown fino al 3 maggio
Bandiera UE (foto Pixabay)

Potrebbe interessarti anche —>Covid-19, la Germania è divisa sugli eurobond: duro attacco di Spiegel