Fase 2, i divieti per gli spostamenti regione per regione

Fase 2, spostamenti vietati tra regioni almeno all’inizio. Dal 4 al 17 maggio nessun passaggio di frontiera interno. Ecco cosa succederà

fase 2
stazione (getty images)

La fine del lockdown è sempre più vicina e la Fase 2 è pronta per essere iniziata. Ovviamente ci saranno delle restrizioni importanti per abbassare il rischio di un ipotetico virus di ritorno. I limiti riguarderanno soprattutto gli spostamenti. Secondo il piano previsto dalla task force governativa si dovrebbe vietare per due settimane gli spostamenti da regione a regione. Quattordici giorni di ulteriore blocco saranno necessarie. Dal 4 al 17 maggio non sarà possibile lasciare la propria regione per spostarsi verso un’altra.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Fase 2, Ranieri Guerra: “Saranno inevitabili nuovi focolai”

Fase 2, tutti i dettagli riguardo agli spostamenti

stazione
Stazione treno (Getty Images)

Nella fase 2 non mancheranno di certo le novità. Rispetto alla situazione iniziale dovrebbe essere consentito potersi spostare tra i diversi comuni di una stessa regione, sia per motivi lavorativi che personali. Ma alcune zone rosse rimarranno inalterate, visto l’alto grado di contagi e vittime ancora in atto. Così ha confermato il direttore di Malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità Giovanni Rezza. La Lombardia, per esempio, sarà una di quelle regioni. Un possibile piano B prevede la suddivisione del territorio nazionale in tre macroaree (Nord, Sud, Centro). Da quanto riportato si potrebbe circolare liberamente da regione a regione della stessa area. Ma è solo un’ipotesi. Intanto Vincenzo De Luca, a capo della Regione Campania, sottolinea: “Se dovessimo avere una fuga da Regioni dove c’è il contagio così forte, la Campania chiuderà i confini“.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Sandra Zampa riguardo alla fase 1: “Gli italiani sono stati responsabili”

coronavirus
le persone ai tempi del Coronavirus (getty images)

La decisione definitiva arriverà dal Palazzo Chigi. Le scelte saranno l’evolversi di queste due settimane che ci separano dal 3 maggio. Solo in quel momento si potrà parlare di una vera fase 2.