Morte assurda | guarda la tv mentre mangia un toast | muore soffocato

Un uomo va incontro alla propria fine con una morte assurda. Succede tutto mentre è in casa a rilassarsi, tutto in pochi secondi.

morte assurda
La morte assurda di un uomo per via di un pezzo di toast di traverso Foto dal web

Una morte assurda ha stroncato all’improvviso la vita di un uomo. Tutta colpa del toast che il povero Peter Harley stava tranquillamente gustando sul divano di casa sua, a Stoke-on-Trent. Si tratta di una città dell’Inghilterra.

LEGGI ANCHE –> Madonna di Giampilieri | la statuina piange di nuovo sangue | FOTO

La vittima si trovava in compagnia del padre, anche lui di nome Peter Harley. I due stavano guardando insieme la televisione, poi però il genitore aveva lasciato la stanza, andando a letto, dal momento che erano le ore 23:00. Suo figlio, rimasto da solo, si era concesso uno spuntino notturno fuori orario. Purtroppo però l’uomo si è strozzato con un boccone che gli è andato di traverso. Lo ha affermato anche suo padre, che purtroppo si è accorto di quanto successo a tragedia già avvenuta. Agli inquirenti intervenuti per esaminare la scena e per stabilire la dinamica dell’evento, il papà della vittima di questa morte assurda ha detto quanto segue.

LEGGI ANCHE –> Sergio Fantoni | morto il noto attore e doppiatore | aveva 89 anni

Morte assurda, il padre della vittima si accorge troppo tardi di quanto accaduto

“Mi ero svegliato verso l’una, all’improvviso. Ed avevo notato che il televisore al piano di sotto era ancora acceso. Ho chiamato mio figlio ma non ho ricevuto alcuna risposta da parte sua. L’ho scoperto esanime sul divano, con il toast ancora nella sua bocca. Pur avendo chiamato un’ambulanza, avevo capito che ormai non c’era più niente da fare per salvarlo”.

LEGGI ANCHE –> Salvini Fedez | la risposta del rapper per sistemare il leghista su Twitter | FOTO

Peter aveva 46 anni, le sue vie aeree erano ostruite da un boccone di cibo che gli è stato fatale. La cosa ha ricevuto conferma anche da un successivo esame autoptico. La vicenda risale allo scorso 12 febbraio 2020.