Le vittime in Lombardia sono 5 volte più numerose che durante la Guerra Mondiale

“Per il Coronavirus in due mesi in Lombardia ci hanno lasciato 11851 civili, 5 volte di più della Guerra Mondiale in soli due mesi”, commenta così la situazione Domenico Arcuri, Commissario Straordinario per l’Emergenza. 

Domenico Arcuri
Domenico Arcuri (foto dal web)

In conferenza stampa il Commissario Straordinario per l’Emergenza Domenico Arcuri presso la sede della Protezione Civile ha detto: “Ieri sera purtroppo il bollettino della sofferenza ci ha detto che il Covid-19 ha lasciato 22.745 vittime. Tra l’11 giugno 1940 e il primo maggio 1945 durante la II Guerra Mondiale a Milano persero la vita nei bombardamenti 2000 civili in 5 anni, per il Coronavirus in due mesi in Lombardia ci hanno lasciato 11851 civili, 5 volte di più in soli due mesi. Siamo riusciti a fronteggiare la tragedia che stiamo vivendo ma non ancora a sconfiggerla”. Arcuri ha poi detto che serve qualche settimana per fare i primi 150 mila test sierologici per accertare la diffusione del Covid-19 in tutto il nostro Paese. “Pensiamo – ha proseguito – che si debba tutti insieme trovare uno standard ma purtroppo abbiamo ancora bisogno di qualche settimana per trovare”.

LEGGI ANCHE -> Argentina, 25enne muore con sospetto coronavirus: era stata picchiata

Non solo Lombardia: in arrivo 150 mila test per tutta Italia

La nuova app italiana Immuni che traccerà il contagio
Mascherina (foto Pixabay)

Domenico Arcuri ha ricordato inoltre che mercoledì scorso il ministero della Salute ha chiesto di trovare “la modalità più trasparente e veloce di acquisire 150 mila test sierologici per potere fare un importante campionamento della popolazione di tutta Italia, della vita del virus, della natura dei contagi, differenziati per fasce di età, luoghi, tipologie di individui”.

LEGGI ANCHE -> Covid-19 farmaco, dagli Usa una scoperta che potrebbe cambiare tutto

Burioni Coronavirus
Mascherine (Getty Images)

“In 44 ore – ha concluso il commissario – ieri alle 17 abbiamo pubblicato una procedura di gara per soddisfare questa richiesta. Il ministero della salute e il comitato tecnico-scientifico hanno definito otto requisiti minimi solo se si soddisfano i quali si può entrare nel novero dei soggetti che una commissione autorevole, che verrà insediata nelle prime ore, valuterà”.