Europa, la Commissione apre agli Eurobond: pronta la proposta

La Commissione apre agli Eurobond: il denaro sarebbe raccolto sui mercati “con bond europei gestiti dalla Commissione stessa, da versare ai Paesi

Il Parlamento Europeo (Getty Images)

La Commissione apre agli Eurobond: il denaro sarebbe raccolto sui mercati “con bond europei gestiti dalla Commissione stessa, da versare ai Paesi- E’ il l piano, che Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea e Charles Michel dovrebbero presentare ai leader dell’Unione Europa in occasione del video summit di giovedì prossimo. L’Eurogruppo, ossia l’incontro dei capi di Stato e/o di governo dei membri Ue, prenderà la decisione definitiva. E’ chiaro che la posizione e la proposta della presidente in rappresentanza della Commissione è un grosso passo in avanti verso il fronte Eurobond, quello in cui è schierato anche il paese italiano.

Leggi anche > Nuovo sintomo, occhio ai piedi…

La Commissione apre agli Eurobond: modalità

I danni del Coronavirus sono sistemici: secondo Quadrio Curzio serve il fondo di solidarietà UE
Bandiera Unione Europea (foto Pixabay)

Per quanto riguarda le modalità e la consistenza si tratta di prestiti per 1000 miliardi di euro che la Commissione gestirebbe per versare poi agli Stati: “I bond europei gestiti dalla Commissione, da versare ai Paesi più colpiti dalla pandemia in parte sotto forma di aiuti a fondo perduto, in parte come prestiti a tassi contenuti da rimborsare non prima di 20 anni“. A questo punto resta da capire questa mossa quanto potrà scalfire il blocco del no ai coronabond o eurobond guidati dalla Germania, con Olanda formalmente in prima fila. Giovedì sarà decisivo l’incontro in Eurogruppo.

Leggi anche > Il Nobel sicuro: A breve virus andrà via

Draghi è l'uomo giusto per questa emergenza
FRANKFURT AM MAIN, GERMANY . (Photo by Bernd Kammerer – Pool / Getty Images

Va anticipato che, sotto il profilo della tempistica, gli Eurobond potrebbero richiedere tempi poco brevi. Pertanto, si potrebbe in ogni caso optare nel frattempo per strumenti più rapidi per far fronte alle prime esigenze. L’economia va rilancia in fretta.