Gallera: “La battaglia della Lombardia ha salvato il Mezzogiorno”

Giulio Gallera: “La battaglia combattuta dalla Lombardia contro il Covid-19 è servita per salvare il Mezzogiorno da una grande ondata di contagi.

Fase 2 Covid-19
Covid-19

L’assessore lombardo al Welfare, Giulio Gallera, in un’intervista al quotidiano ‘Libero’ ha spiegato: “Se non ci fossimo opposti con fermezza al governo il Sud il 7 marzo non sarebbe stato chiuso. Invece siamo stati fermi a chiedere le misure restrittive. Grazie a questo le altre Regioni ci hanno seguito e abbiamo ridotto il contagio. Adesso tutto deve ripartire ma nella garanzia della massima sicurezza sanitaria. Le misure restrittive approvate in Lombardia – continua Gallera – hanno dato un grande risultato. Avevamo di fronte proiezioni agghiaccianti fatte dai nostri analisti e perciò abbiamo attuato misure di contenimento per evitare di avere centinaia di migliaia di contagiati in più. Senza le misure adottate grazie alle nostre insistenze sarebbe stato un disastro”.

LEGGI ANCHE -> Il premio Nobel sentenzia A breve il virus non ci sarà più VIDEO

Gallera: “Non paragonate Lombardia ad altre regioni”

Covid-19 Bergamo
Covid-19 (Getty Images)

Non si può paragonare la Lombardia – prosegue Gallera ad altre regioni dove non ci sono stati focolai come i nostri. D’altronde sembra che qualcuno abbia perso del tutto la memoria. Com’è possibile non ricordare che ai primi di marzo i sindaci e gli scienziati dicevano che le città non si dovevano fermare, che il Covid era un’influenza, che tutto si sarebbe risolto al più presto? Noi siamo stati gli unici a chiedere misure più incisive al governo. Se gli spostamenti in Italia sono stati sospesi il 7 marzo è perché noi l’abbiamo chiesto, esponendoci anche con i nostri scienziati e con una lettera accorata da parte dei nostri medici”.

LEGGI ANCHE -> Europa, la Commissione apre agli Eurobond: pronta la proposta

Virus pazienti oncologici ospedale cure
(Getty Images)

“In Lombardia – sottolinea ancora Gallera -, non potevamo fare molto di più di quello che abbiamo fatto e chi ora si è dato alle polemiche non ha capito una cosa: la battaglia non è affatto finita, a ottobre sicuramente il virus tornerà. Dobbiamo quindi farci trovare preparati”.