Il premio Nobel sentenzia | ” A breve il virus non ci sarà più” | VIDEO

Luc Montanier, epidemiologo e Premio Nobel 2008, parla del virus che sta sconvolgendo le nostre vite. E denota un moderato ottimismo in merito.

Montanier virus
Il Premio Nobel Montanier sul virus in libera circolazione Foto dal web

Il professore Luc Montanier, virologo Premio Nobel per la Medicina nel 2008 ed autore della scoperta del virus dell’Hiv, ha rilasciato una intervista nella quale parla della situazione attuale.

LEGGI ANCHE –> Rezza (OMS) “Vi spiego cosa è cambiato dal 20 febbraio ad oggi”

La pandemia in corso nel mondo, per il professor Montanier, sta portando molti esperti a lavorare su un possibile rimedio. Il virologo parla di “possibile manipolazione almeno in parte del virus. All’agente patologo originario, presente in alcune specie di pipistrelli, sembra che qualcuno abbia aggiunto lo stesso Hiv”. Per Montanier questo è “un lavoro di professionisti, di biologi molecolari”. Ma lui stesso non sa chi e per quale motivo potrebbe avere fatto questo. “Non accuso nessuno”. Forse questo è accaduto allo scopo di trovare qualche possibile vaccino proprio contro l’Hiv, come spiega il professor Montanier all’emittente francese CNews.

LEGGI ANCHE –> Virus | scoperto il motivo per cui sono morti più uomini

Virus, il professor Montanier: “C’è omertà su come è nata la pandemia”

La traccia dell’Hiv non può risultare da una mutazione naturale ma dall’intervento dell’uomo, fa presente al professore un presente in studio. Lo stesso Montanier è dell’idea che il virus sia uscito da un laboratori di Wuhan, ma la struttura direttamente chiamata in causa ha smentito. “Questo virus è un ricombinante a base di Rna, soggetto a frequenti mutazioni”. E creato in maniera artificiale, da un laboratorio cinese o di qualcun altro, dice il professore. Che non crede alla versione della stessa Cina per la quale il virus proverrebbe dal mercato del pesce di Wuhan.

LEGGI ANCHE –> Estate 2020: spiagge con gabbie di Plexiglass e code

“L’agente patogeno sparirà”

Ed ancora: “Gli Stati Uniti hanno finanziato i laboratori di Wuhan e le loro ricerche”. Per il Premio Nobel quindi l’affare non è solo di Pechino. Comunque una costruzione artificiale in natura, “come un virus costruito dall’uomo”, non è destinato a sopravvivere. Le conseguenze gravi dell’agente patogeno spariranno. Nel video che segue, Montanier entra più nel dettaglio.

LEGGI ANCHE –> Quando arriverà lo stop di contagi in Italia | le previsioni degli esperti

Il professor Montanier parla di continue mutazioni del codice genetico di questo agente patogeno. E che la parte di esso che contiene l’Hiv cambia anche più velocemente, con la sparizione di quest’ultimo. “Il virus sparirà perché si distruggerà da solo. Rispettando le regole previste argineremo anche altre ondate”