Donna scomparsa, svolta nel caso arriva dalla telefonata di un senza tetto

Dopo due settimane, sono terminate le ricerche della giovane Luciana Martinelli: apparterrebbe alla 27enne il corpo ripescato dalle acque del Tevere nella giornata di ieri.

Polizia scientifica
(Getty Images)

Era svanita nel nulla, lo scorso 4 aprile, Luciana Martinelli dalla sua abitazione di Pietralata a Roma. Di lei si erano completamente perse le tracce. L’unico indizio era stato il ritrovamento della sua auto, rinvenuta quattro giorni dopo la scomparsa, parcheggiata sul lungotevere Flaminio. Nonché la segnalazione di un uomo che diceva di aver avuto contatti con la donna a cui aveva dato una mano perché la sua auto era rimasta in panne. Ieri, domenica 19 aprile, la svolta. A soli tre chilometri da dove i ricercatori avevano trovato la Volkswagen Up della giovane Luciana ne sono stati rinvenuti i resti nel fiume Tevere.

Leggi anche —> Uomo finisce in ospedale, pestato a sangue dai vicini: l’assurdo motivo

Ritrovato corpo nel Tevere: sarebbe di Luciana Martinelli scomparsa lo scorso 4 aprile

Polizia
Polizia (foto dal web)

Seppur complicato il riconoscimento del corpo a causa dell’avanzato stato di decomposizione e nonostante debbano ancora giungere conferme tramite analisi più approfondite, pare non ci sarebbero dubbi. I resti ripescati nella giornata di ieri, dalle acque del fiume Tevere, apparterrebbero a Luciana Martinelli. La corrispondenza sarebbe stata suggerita dagli abiti e da un piccolo tatuaggio sul cadavere, identici a quelli indicati in sede di denuncia di scomparsa.

Ad allertare gli inquirenti, riporta la redazione di Roma Today, un senza tetto che intorno alle 14:30 avrebbe chiamato il 112 facendo partire la segnalazione. Sul luogo del ritrovamento sono giunti i vigili del fuoco, il gruppo GSSU della Polizia Locale di Roma Capitale, nonché la Polizia di Stato con la scientifica.

Scomparsa della giovane maestra: dalla sparizione al ritrovamento

La giovane Luciana Martinelli, insegnante di lingue per bambini, era scomparsa nella notte tra venerdì 3 e sabato 4 aprile. L’unica segnalazione sulla giovane era pervenuta da parte di un uomo, riporta la redazione di Roma Today, che diceva di averla aiutata poiché la sua auto era rimasta in panne. Grazie all’impegno di Forze dell’Ordine e volontari, quattro giorni dopo la scomparsa era stata individuato la sua Volkswagen Up sul lungotevere Flaminio. Ed è proprio a circa tre chilometri di distanza da dove era la sua auto che è stato rinvenuto il corpo nella giornata di ieri. Si attendono conferme circa la corrispondenza tra i resti ripescati dalle acque del Tevere e Luciana Martinelli, ma è quasi certo che gli inquirenti troveranno il drammatico riscontro.

Leggi anche —> Roma, ragazza di 15 anni muore nel sonno: tragedia nel pomeriggio

Polizia positivo al coronavirus
Polizia (Getty Images)

Ad occuparsi del suo caso la redazione di Chi l’Ha visto?, numerosi i gruppi di ricerca che si sono attivati e altrettanti gli appelli lanciati tramite i social. La donna si era allontanata da casa lasciando il proprio cellulare e non fornendo alcuna spiegazione ai suoi familiari.