Bologna, una 23enne è ancora positiva al covid-19 dopo 55 giorni: il caso

Bologna, una 23enne risulta ancora positiva al covid-19 dopo 55 giorni: il pensiero dei medici e le parole della ragazza. 

Coronavirus Covid-19 ospedale
Covid-19, ospedale (Getty Images)

Il coronavirus continua a terrorizzare l’Italia: il trend è in discesa ma il numero giornaliero dei morti resta ancora molto alto. Da qualche giorno, tuttavia, i guariti stanno aumentando notevolmente. Per i pazienti covid-19, il tempo massimo di positività si aggira sulle quattro settimane. Da Bologna, però, arriva una storia alquanto insolita: una ragazza di 23 anni è ancora positiva al coronavirus dopo 55 giorni dal primo tampone. Il Resto del Carlino ha interpellato i medici che l’hanno seguita per capire i motivi dell’anomalia. Un medico infettivologo del Sant’Orsola ha dichiarato che la ragazza stava bene già dopo quattro giorni dal ricovero in reparto ma nonostante ciò, i tamponi continuano ad essere positivi. Il medico ha anche spiegato che nessuno è rimasto positivo così a lungo (almeno nel nostro paese).

LEGGI ANCHE –> La mappa regione per regione dell’epidemia: i dati del 22 aprile 

Bologna, 23nne positiva al covid-19 dopo 55 giorni: le sue parole

La ragazza, ricoverata lo scorso 28 febbraio al Sant’Orsola di Bologna, è ancora positiva al covid-19 dopo 55 giorni. L’ultimo tampone del 16 aprile afferma la sua positività. La 23enne ha parlato del suo caso. “All’inizio ho avuto sintomi lievi, mi avevano ricoverato a scopo precauzionale, senza terapie specifiche, sono stata meglio e sono stata anche dimessa. Mi sento molto bene eppure il tampone dice che sono ancora positiva. Ormai ci rido su, spero solo di essere sottoposta ad esami del sangue più approfonditi come quelli sierologici”. Una storia strana che merita di essere approfondita.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Lo Spallanzani ha isolato il virus anche nelle lacrime

Anche Marco Sportiello non è ancora ufficialmente guarito dopo 30 giorni. Il portiere dell’Atalanta, risultato positivo lo scorso 25 marzo, è andato a controllo per il tampone di negativizzazione: sfortunatamente anche il suo terzo tampone è risultato ancora positivo.