Lucca, infermiera trova un messaggio nella posta: “Ci porti il covid”

Lucca, spiacevole episodio per un’infermiera: la donna ha trovato un messaggio offensivo nella posta. 

Coronavirus Covid-19 ospedale
Covid-19, ospedale (Getty Images)

L’Italia sta affrontando l’emergenza coronavirus. Gli ospedali stanno sostenendo una pressione senza precedenti e gli operatori stanno mettendo la loro vita a rischio pur di salvare i numerosissimi pazienti positivi al covid-19. Dall’inizio dell’epidemia sono morti nel nostro paese più di 140 medici e più di 30 infermieri. Gli italiani hanno lodato il loro lavoro in questo momento durissimo e spesso li hanno definiti come “eroi in corsia”. Non mancano tuttavia le eccezioni. Brutta disavventura a Lucca per un’infermiera: la donna, rientrata a casa dopo un estenuante turno di lavoro, ha trovato uno spiacelo messaggio nella casella della posta.

LEGGI ANCHE –> Confronto tra test sierologici: l’esito favorirà la fase 2 

Lucca, disavventura per un’infermiera dopo un turno di lavoro

Ospedale coronavirus
(Getty Images)

Brutta esperienza per un’infermiera di Lucca. La donna, rientrata a casa dopo un turno durissimo, ha trovato un messaggio nella cassetta delle lettere. “Grazie per il Covid che tutti i giorni ci porti in corte. Ricordati che ci sono anziani e bambini. Grazie”. L’infermiera ha spiegato a “Il Corriere” di essersi sentita trattata come gli untori e ha deciso di fare qualcosa chiamando i carabinieri. Stando al suo racconto, il messaggio sarebbe stato scritto dai vicini. Un episodio simile è accaduto più di un mese fa a Pisa: una dottoressa che lavora all’ospedale Cisanello trovò un cartello nel palazzo con su scritto un avvertimento (“Usi le massime precauzioni quando utilizza gli spazi comuni”).

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Lo Spallanzani ha isolato il virus anche nelle lacrime 

Il clima di terrore come quello attuale è terreno fertile per episodi di violenza e ingratitudine come questi. Anche Pieroni del PD ha commentato l’accaduto dichiarando di mantenere saldi i principi di solidarietà in questi momenti di sgomento.