Coronavirus, Conte annuncia: “Accordo con UE per uno strumento innovativo”

Il premier Giuseppe Conte ha annunciato importanti novità in merito agli aiuti dell’ Europa per la crisi economica. 

Conte app Immuni Senato
(Getty Images)

Svolta dal consiglio europeo: dopo settimane di trattative, è arrivato l’ok da parte dell’Unione Europea per il Recovery Fund. Il consiglio ha deciso di approvare un fondo per aiutare i Paesi più colpiti dall’emergenza coronavirus. Dopo alcune settimane turbolente, con la maggioranza che voleva utilizzare lo strumento del Mes, Conte è riuscito a convincere gli altri Membri. Il presidente del consiglio dei ministri aveva invocato a gran voce l’utilizzo di uno strumento innovativo per combattere una crisi economica senza precedenti. La commissione lavorerà nei prossimi giorni per presentare il 6 maggio il “Recovery Fund”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Bonus professionisti, c’è una doppia tassa: la protesta

Emergenza coronavirus, le parole di Giuseppe Conte

Conte app Immuni Senato
(Getty Images)

Il premier, tramite un video, ha annunciato la novità. “Quella del consiglio europeo di stasera è stata una tappa importante nella storia europea. Tutti e 27 i paesi Ue hanno accettato di introdurre uno strumento innovativo, il Recovery Fund, un fondo comune finanziato con titoli europei che andrà a finanziare tutti i Paesi più colpiti, come l’Italia, ma non solo l’Italia“. Conte ha anche spiegato il principio del nuovo strumento. “Siamo in prima fila per chiederlo: è passato anche il principio che è uno strumento urgente e necessario”. La pandemia non ha causato solo migliaia di morti ma anche una crisi inestimabile: bisogna far ripartire le economie dei vari paesi. Il recovery fund dovrebbe essere di 1.500 miliardi di euro e fornire prestiti a fondo perduto ai paesi membri.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Le decisioni del consiglio europeo contro la crisi economica da covid-19


Angela Merkel ha spiegato nell’arco della giornata la volontà di aumentare notevolmente la quota della Germania al Bilancio europeo e ha chiarito che la Germania può stare bene solo se l’Europa sta bene. La cancelliera già da lunedì aveva iniziato ad aprire spiragli per un accordo con gli altri paesi.