Il monito del Ministro delle pari opportunità Bonetti: “Garantire le mascherine a scuola”

Durante la Fase 2 del contagio dovrà essere garantito l’utilizzo delle mascherine ai bambini nelle scuole. Il messaggio del Ministro Bonetti

Bonetti mascherine
Elena Bonetti (Getty Images)

Durante la Fase 2 del contagio sarà indispensabile garantire l’utilizzo delle mascherine e dei guanti. Il Ministro delle Pari Opportunità Elena Bonetti invita il Governo a preservare l’incolumità dei cittadini, munendoli di guanti e mascherine. il messaggio è rivolto soprattutto ai bambini quando rientreranno tra i banchi di scuola ai fini del rispetto di tutti gli orari di lezione. Il Ministro Bonetti aveva già toccato il tema del rientro in classe, favorendo la tesi del partito Italia Viva di Mateo Renzi sul ritorno anticipato. La predisposizione nel fornire le mascherine deve rappresentare la priorità per il Governo affinchè i giovani studenti costruiscano le basi per il loro futuro.

Se si riuscirà a ritornare a scuola con l’obbligo della mascherina, potrebbe giovare anche alle aziende che intensificano la produzione, aumentando in termini considerevoli il proprio fatturato. Dunque anche un modo per rimettere in sesto e far “viaggiare” l’economia.

LEGGI ANCHE —–> Mascherine chirurgiche, l’OMS consiglia come lavarle e disinfettarle per un riuso

Le aziende in rampa di lancio per la produzione di mascherine

mascherine Bonetti
mascherine per coronavirus (getty images)

Il messaggio del Ministro Bonetti sembra trovare conforto in alcuni settori del mercato produttivo: le aziende appunto. L’Ansa ha esteso gli orizzonti sul tema di ricerca di alcune attività di fabbrica, andandole ad intercettare. Tra queste abbiamo la Piave Maitex di Feltre, la società di produzione bellunese specializzata nel settore del ricamo e dell’abbigliamento sportivo. All’interno dei suoi laboratori sono state adoperate delle modifiche in tempi record per mettere nelle condizioni i suoi rapprensentanti di dare la massima priorità alla produzione di mascherine. 

Marzo è stato il mese più intenso per la produzione che ha conosciuto un’impennata dalle 5.000 a 60.000 mascherine prodotte giornalmente. Un dato impressionante a cui va ad associarsi la qualità del materiale altamente resistente agli agenti atmosferici e all’acqua. E’ consentito persino il lavaggio fino a 40 volte senza che il prodotto perda la sua elasticità.

La richiesta ora è schizzata alle stelle e ha fatto scalpore anche nelle grandi distribuzioni alimentari, come la Coop di Feltre, oltre a farmacie, estetisti e parrucchieri. Le prenotazioni secondo il Ministro Bonetti, considerato l’ampio raggio di produzione, potranno interessare anche le scuole.

LEGGI ANCHE —–> Mascherine, in vendita anche nei supermercati

mascherine Bonetti
Mascherine (Getty Images)

Ma la didattica può ancora attendere anche perchè è in divenire il marchio CEper le mascherine, pronte a guadagnarsi l’eccellenza della prevenzione contro il Coronavirus.