Il fumo è un pericolo. “Altro che protezione, più rischi per polmoni e cuore”

Lo studio francese sul ruolo protettivo della nicotina fa discutere, per l’ISS i danni provocati dal fumo sono una certezza

Sigarette
sigarette (foto dal web)

Ipotesi su ipotesi. Si moltiplicano gli studi. Ed oggi dalla Francia arriva una novità: la nicotina protegge dal Covid-19. Ma qual è la verità? Chi fuma è più protetto o al contrario più esposto? “Rabbrividisco all’idea che si possa suggerire che la nicotina ha un ruolo protettivo”, dichiara Roberta Pacifici, direttore del Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità – Bisogna ricordare che quando parliamo di sigarette non si tratta solo di nicotina che è la sostanza che crea dipendenza, ma di oltre 40mila sostanze cancerogene. In Italia abbiamo 75mila morti all’anno  – continua – per danni da tabacco e quindi quello che arriva dalla Francia – sottolinea –  è un messaggio pericoloso e fuorviante sia per i fumatori sia per chi in questa difficile fase di isolamento sociale è più fragile e potrebbe essere indotto ad iniziare proprio adesso”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Trump gela il mondo, l’assurda proposta per sconfiggere il virus

Lo studio francese sul fumo

fumo
Sigarette (Getty Images)

L’ipotesi avanzata da uno studio osservazionale francese è che fissandosi sul recettore cellulare utilizzato anche dal Coronavirus la nicotina gli impedisca o lo trattenga dal fissarsi, bloccando così la sua penetrazione nelle cellule e la propagazione in tutto l’organismo. Basandosi sull’osservazione di alcuni pazienti dell‘ospedale parigino di La Pitié-Salpetrière, ora è stata lanciata una sperimentazione con l’applicazione di cerotti alla nicotina con dosaggi diversi per verificare se proteggono il personale medico-sanitario e se possono diminuire la sintomatologia dei pazienti ricoverati.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Con la fine del lockdown ci potrebbero essere fino a 70 mila decessi

L’ipotesi francese sorprende e fa discutere

Lo studio francese fa molto discutere, soprattutto perché l’organo che colpisce il tabacco è il polmone, lo stesso attaccato dal coronavirus.  In Cina, The New England Journal of Medicine a febbraio 2020 ha pubblicato uno studio che  riporta che su 1099 casi confermati di Covid-19, il 12,4% dei fumatori ha richiesto terapia intensiva o la ventilazione meccanica mentre per i non fumatori è stato necessario nel 4,7% dei casi.

sigarette e tabacchi
Sigarette e tabacchi (foto dal web)