Ictus | dagli Usa | “conseguenza del virus nei più giovani”

Una squadra di medici specialisti negli Stati Uniti ha osservato una correlazione forte tra il sorgere di ictus e pazienti giovani affetti dal virus.

ictus
Il virus sembra causare ictus nei giovani Foto SEBASTIEN BOZON AFP via Getty Images

Tra gli aspetti derivanti dalla pandemia in atto c’è anche quello che il virus colpisce i più giovani. Inizialmente era una idea diffusa (e sbagliata) che invece ad essere esposti fossero quasi solo le persone anziane. Ancora più a rischio poi se con delle patologie pregresse.

LEGGI ANCHE –> Giovane infermiera muore in casa: la denuncia del marito contro l’ospedale

Invece non è così ed infatti si registrano vittime anche tra minorenni, con in particolare tre casi avvenuti rispettivamente in Francia, Portogallo e Gran Bretagna nelle ultime settimane. alcuni esperti della comunità medica poi hanno portato alla luce quello che sembra essere un effetto collaterale del SarsCov-2 nei giovani. Si tratta del sorgere di ictus improvvisi, che sembra colpire principalmente coloro appartenenti alla fascia di età compresa fra i 30 ed i 40 anni. Casi di questo tipo sarebbero in aumento, da quanto si apprende, e per molti medici ci sarebbe una correlazione diretta col virus. Sotto accusa c’è quella che pare essere una coagulazione del sangue anomala.

LEGGI ANCHE –> Il fumo è un pericolo. “Altro che protezione, più rischi per polmoni e cuore”

Ictus, nei pazienti giovani con il Covid sembra aumentare il rischio

A parlare in dettaglio è il dottor Thomas Oxley, neurochirurgo del Mount Sinai Health System di New York. Il dottore ha visitato cinque pazienti con età inferiore ai 50 anni e tutti con lievi sintomi da Covid o asintomatici. Oxley ha potuto evincere come il virus sembri provocare un incremento del processo di coagulazione del sangue all’interno delle arterie principali. Cosa che porta ad ictus, e con una incidenza di 7 volte maggiore in pazienti di giovane età. In casi come questo bisogna intervenire immediatamente. L’ictus è una patologia che va curata il più presto possibile, per limitare al massimo i danni al cervello derivati dalla interruzione di flusso sanguigno al cervello.

LEGGI ANCHE –> Trump gela il mondo, l’assurda proposta per sconfiggere il virus

Il tempo massimo stabilito per scongiurare danni è di massimo 24 ore, ma meglio procedere nelle successive 6 da quando l’ictus si manifesta. L’invito dei dottori è quello di telefonare ai numeri di emergenza preposti, in caso di pericolo.