Autocertificazione : la nuova ipotesi del Governo

Coronavirus, ipotesi del Governo: autocertificazione valida solo per viaggi tra Regioni. Non servirà più per spostarsi tra un Comune e l’altro

Polizia
Polizia (Getty Images)

Una novità dell’ultim’ora è al vaglio del Governo. La questione riguarda l’autocertificazione che potrebbe cambiare ancora a partire dal 4 maggio, data della fine delle chiusure. Se dovesse passare l’ipotesi, dal 4 maggio sarà necessaria l’autocertificazione solo per gli spostamenti tra una Regione e l’altra. Per uscire e muoversi all’interno dei comuni e nella stessa Regione, non sarà più necessaria alcuna autocertificazione. Per chi avrà la necessità di spostarsi da una regione all’altra, ci sarà un nuovo modulo. Tra l’altro, ci saranno ancora delle limitazioni per spostarsi tra le regioni. Sarà consentito lo spostamento solo per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e motivi di salute. In sostanza, le limitazioni che riguardano i normali movimenti di oggi, saranno spostate agli spostamenti tra regioni.

Leggi anche > Turismo in difficoltà e c’è chi trae profitto

Nuova ipotesi del Governo e la conferma di Speranza

Polizia positivo al Coronavirus
(Getty Images)

Intanto la curva dei contagi continua a scendere ma il ministro della Salute, Roberto Speranza, predica cautela: “La curva si è piegata, possiamo guardare con fiducia al futuro, ma con cautela – ha detto il ministro Speranza intervenuto durante l’inaugurazione dell’Edificio Alto Isolamento dell’Istituto Spallanzani di Roma. “Ci sono le condizioni per programmare il domani ma con i piedi ben piantati nell’oggi – prosegue con cauto ottimismo il ministro -.  Il virus circola ancora nel nostro territorio, guai a pensare che la battaglia sia vinta. Abbiamo creato le condizioni ma adesso prudenza e gradualità massima, siamo davanti a un nemico difficile”. 

Leggi anche > Tredicenne incinta di un bambino di 10 anni

cane paul
Polizia (Getty Images)

Qualora ce ne fosse ancora bisogno, da parte del Governo arrivano ancora messaggi di cautela e discorsi di ripresa graduale. E’ il messaggio più saggio e consono che si possa dare in un momento del genere.