Servono i tamponi. Lo afferma il microbiologo Crisanti

L’utilità dei tamponi. Secondo il microbiologo al centro del “modello Veneto” andrebbero fatti ai contatti dei contagiati, anche se non hanno sintomi

tamponi
tamponi (getty images)

Andrea Crisanti, microbiologo dell’Università di Padova, è tra gli esperti italiani che più hanno avuto a che fare con il coronavirus, specialmente per quanto riguarda il modello Veneto a cui sta lavorando la regione. Il 22 aprile è stato intervistato dal sito Business Insider e parlando di tamponi ha detto: “In altre regioni si pensa che il tampone serva solo a fare la diagnosi. In realtà, se arriva una persona che sta male – spiega – da sette-otto giorni, con tutta la sintomatologia canonica e il quadro radiologico, il tampone non c’è nemmeno bisogno di farlo – afferma –  dovrebbero farlo invece tutte le persone con cui la persona è entrata in contatto. È, insomma, essenzialmente una questione di decisioni strategiche”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Il fumo è un pericolo. “Altro che protezione, più rischi per polmoni e cuore”

A cosa servono i tamponi e i test sirielogici

tamponi
test (Getty Images)

La Regione del Veneto, prima che arrivasse l’epidemia, è riuscita ad attrezzarsi per avere la possibilità di fare molti test. “Non si è capito che fare i tamponi, e particolarmente farli ai contatti – aggiunge Crisanti – e a quelli che potenzialmente sono entrati in contatto con la persona infetta, abbatte la trasmissione”. Riguardo ai test sierologici dice: “Non servono a nulla – continua – solo un valore epidemiologico, per capire dove il virus si è diffuso in maniera più estesa”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Vacanze 2020: saranno garantite ma a questa condizioni

tamponi
tamponi (Getty Images)

Il Veneto ha messo a disposizione i dati forniti dai tamponi provenienti da Vò, il paese in provincia di Padova, definito uno dei focolai dell’Italia.