Bambina scrive a Mattarella | “La prego ci faccia tornare a scuola” | FOTO

Adele frequenta la terza elementare. La bambina scrive a Mattarella avanzando al presidente della Repubblica una tenera richiesta.

bambina scrive a Mattarella
Una bambina scrive a Mattarella Foto dal web

Una bambina scrive a Mattarella. E lo fa per avanzare una singolare quanto bellissima richiesta. “Caro signor Mattarella, scusi per il disturbo sono Adele e faccio la terza elementare, le volevo chiedere se è possibile riaprire la scuola”.

LEGGI ANCHE –> Conte festeggia il 25 aprile: omaggio alla canzone di De Gregori

Comincia così il messaggio che una bimba che vive a Riccione con la mamma ed il papà ha scritto per il presidente della Repubblica. Tutto sarebbe nato dalla noia e dalla voglia di passare le mattinate con i compagni di classe. Per apprendere, condividere esperienze e conoscenza e crescere insieme. Un qualcosa che non dovrebbe mancare a nessun bambino a questo mondo. I genitori, interpellati dalla stampa su questa vicenda, spiegano di avere ricevuto dalla loro Adele una bizzarra domanda. La ragazzina avrebbe chiesto loro chi sia la persona più importante in Italia. “È il presidente della Repubblica”.

LEGGI ANCHE –> 25 aprile supermercati aperti | la situazione per ogni regione

Bambina scrive a Mattarella: “Mi faccia tornare a scuola, per favore”

Ed è così che la bambina scrive a Mattarella, per rivolgersi a lui sperando di avere una – come si dice in questi casi – intercessione dall’alto. Adele si è stufata di studiare a casa, davanti al pc, in maniera così asettica ed impersonale. Le mancano i compagni di classe ed anche le maestre. Ecco spiegato il motivo di quella lettera, diventata presto virale perché condivisa sui social anche dal sindaco di Riccione. Il primo cittadino della località romagnola, Renata Tosi, ha infatti dato ampia risonanza alla voce della sua giovanissima concittadina. E non ha mancato di esprimere anche quella che è la sua opinione.

LEGGI ANCHE –> Fase 2 | Arcuri | “Tutte le ipotesi sulla riapertura delle scuole”

“Sono certa che bisogna assolutamente ripartire. Il tutto rispettando tutti i criteri richiesti per poter mantenere gli standard di sicurezza necessari. Dobbiamo tornare a vivere”.