David Quammen: “Siamo solo all’inizio, non alla fine”

Davide Quammen, l’autore del libro “Spillover-l’evoluzione delle Pandemie”, nel 2012 aveva già previsto il Covid-19. Il suo parere

david quammen
virus (Getty Images)

Un presagio, una profezia quella di David Quammen. Lo scrittore otto anni fa aveva previsto la pandemia. Scrisse un libro intitolato “Spillover – l’evoluzione delle pandemie”. Per curiosità, per cercare di rispondere a molti dubbi degli utenti che lo seguono, il Giornale lo ha intervistato via Skype. L’autore sta già lavorando ad un libro riguardo il Covid-19 e presto sarà pubblicato. Di certo non ha scritto assurdità, anzi ha ascoltato attentamente il parere degli esperti scientifici giusti. “Era tutto prevedibile: un nuovo virus da un animale selvatico, forse un pipistrello – spiega – un coronavirus, che passava agli esseri umani, dentro o vicino a un mercato umido in Cina”. “Tutto si sapeva già, non era un’ipotesi che la pandemia sarebbe successa – continua – il dubbio era soltanto sul quando sarebbe accaduta”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Società di Immunologia contro il virologo Giulio Tarro

David Quammen, The big One

 Coronavirus
coronavirus (Pixabay)

The big One, lo chiamano gli scienziati. Il virus che tutti temono. Lo Spillover è invece il termine che indica il momento in cui il virus passa dal suo ospite solitamente un animale, all’uomo. “L’uomo in questo caso – spiega lo scrittore – diventa il paziente zero che diffonde poi il virus agli altri esseri umani”. “Non si tratta di ribellione della natura ma di evoluzione – dichiara – Questo focolaio che è diventato una pandemia è solo una questione di ecologia ed evoluzione“. Per David Quammen il Covid-19 non sarà l’unico virus ad intrappolarci, secondo il suo parere ce ne sono milioni di altri tipi che risiedono negli animali selvatici e che sono in grado di infettare gli uomini.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Fase 2, tutto quello che si potrà fare dal 4 maggio

david quammen
I mercati di animali in Cina (greenme.it)

“Siamo solo all’inizio della comprensione di questo fenomeno e suoi modi in cui lo stiamo causando, non alla fine” conclude.