Un bambino su due è asintomatico. Necessari i test

La maggior parte dei bambini potrebbe essere asintomatica. I pediatri: “Potrebbero veicolare il virus, necessari i test”. Ancora tanti dubbi

 bambino
covid19 (foto dal web)

Ancora molti interrogativi sul Covid-19. In particolare sui bambini. Uno su due è asintomatico. Inoltre bisogna far attenzione ai neonati e ad un ipotetico contagio madre-figlio. La trasmissione verticale del virus, cioè da mamma a bambino, non è stata provata. Non esistono evidenze che il contagio può avvenire tramite il latte materno. “Per le mamme  sintomatiche o con sintomi lievi consigliamo quindi l’allattamento al seno. Poi è bene – spiega Fabio Mosca, direttore Neonatologia e Terapia intensiva neonatale, all’Irccs Ca’Granda ospedale maggiore policlinico di Milano – però tenere il bimbo a tre metri di distanza e utilizzare prodotti specifici per la disinfezione e il lavaggio delle mani”. In caso di neonato positivo, se resta asintomatico oppure ha poca febbre, a proteggerlo, è probabilmente la cosiddetta immunità innata.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Mantovani: “I guariti non saranno protetti per sempre”

Bambini asintomatici, cosa dice lo studio

 bambini
Bambina (paginemamma.it)

“Finora non abbiamo soggetti particolarmente gravi o critici – spiega Alberto Villani, direttore di Pediatria generale e Malattie infettive dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma e presidente della Società italiana di Pediatria – I sintomi del Covid sono difficili da definire proprio perché sono prevalentemente lievi”. “La popolazione pediatrica non è stata studiata a fondo – dichiara il presidente della Simpe Giuseppe Mele – Di fatto, sappiamo che i bambini non hanno manifestazioni cliniche importanti, salvo qualche eccezione. Eppure, andare ad indagare l’incidenza del Covid potrebbe rappresentare la chiave di volta del problema: soprattutto nella fase di ripresa delle scuole – spiega – proprio per poter andare a spegnere i focolai in maniera mirata”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Fase 2, date e nuove regole per bar e ristoranti

 bambino
Bambini nido (cdt.ch)

“Ad oggi tutti i soggetti sotto i 18 anni sembrano i meno colpiti dal contagio – spiega Paolo Biasci, presidente della Federazione italiana medici pediatri – dobbiamo capire però se questa minore evidenza è dovuta al fatto che ai bambini vengono effettuati meno tamponi, perché spesso poco sintomatici oppure perché la malattia dura pochi giorni”.