Due fratelli stroncati dal virus | La cura sperimentale non ha funzionato

Gian Luca e Michele Foglia sono i due fratelli che non ce l’hanno fatta a sconfiggere il Covid-19. Erano ricoverati nello stesso reparto di rianimazione dell’ospedale di Casale Monferrato, nell’Alessandrino

fratelli
Fratelli Foglia: Gian Luca, Maurizio e Michele (repubblica.it)

Gian Luca e Michele Foglia sono i due fratelli piemontesi che non ce l’hanno fatta a sconfiggere il Covid-19. Erano ricoverati nello stesso reparto di rianimazione dell’ospedale di Casale Monferrato, nell’Alessandrino.

Da giorni combattevano contro il virus subdolo che a poche ore di distanza uno dall’altro se li è portati via entrambi. Non ce l’hanno fatta a vincere questa dura battaglia nonostante combattevano insieme, nello stesso reparto a pochi metri di distanza. Il farmaco sperimentale non li ha aiutati, sul loro corpo sofferente non ha funzionato.

Avevano 54 e 60 anni Gian Luca e Michele che lasciano da solo il loro terzo fratello Maurizio. Gian Luca se ne è andato mercoledì 22 aprile e sabato 25 aprile Michele lo ha raggiunto.

Michele è stata la nostra vittima più giovane” ha raccontato il sindaco di Casale Monferrato Federico Riboldi. Il primo cittadino ha voluto ricordare i due fratelli e mandare un messaggio di condoglianze al fratello superstite, Maurizio.

Riboldi non solo conosce bene i tre fratelli Foglia ma, insieme a tutta la cittadina, ha seguito con apprensione la loro vicenda sperando in un lieto fine che però non è arrivato.  “Quando Michele non ce l’ha fatta – ha spiegato il sindaco di Casale Monferrato – abbiamo capito che la situazione era critica anche per Gian Luca”.

LEGGI ANCHE –> Fase 2, date e nuove regole per bar e ristoranti

Due fratelli stroncati dal virus conosciuti da tutti

Coronavirus
covid19(Getty Images)

I due fratelli erano conosciuti da tutti nella cittadina. Un’intera comunità ha seguito la loro vicenda e il decorso della malattia.

Michele, il primo a non farcela, era rimasto vedovo due anni fa. Era un impiegato tecnico con una grande passione per la squadra di calcio locale, il Casale Calcio.

LEGGI ANCHE –> Fase 2, la data chiave per la riapertura di barbieri, parrucchieri ed estetiste

Alla famiglia le condoglianze del presidente Lino Gaffeo e di tutta la società: “Nel ricordo di quelli che ci hanno lasciato, il Casale vuole ancora una volta ringraziare la sua tifoseria per il sostegno che non è mai mancato. Sostegno che cercheremo di ripagare, quando si potrà, sul campo”.

Virus pazienti oncologici ospedale cure
(Getty Images)

Gian Luca, invece, fratello maggiore, lascia due figli e la moglie Barbara che, come da protocollo per i malati Covid-19, non hanno potuto essergli vicino nelle ore più difficili. Gian Luca era il titolare di una società che lavorava nello smaltimento dell’amianto.