Novità decreto aprile-maggio. Bonus partite iva 800 euro

Decreto aprile-maggio. Le ultime notizie pubblicate il 26 aprile. Quali sono le novità? Bonus partite iva 800 euro er autonomi, professionisti e cococo

Conte (GettyImages)
Giuseppe Conte (Getty Images)

Ieri sera si è tenuta la tanto attesa conferenza stampa di Conte. Finalmente dal 4 maggio inizierà la famosa fase 2. La maggior parte degli italiani potrà tornare a lavorare, ovviamente con le dovute misure di sicurezza. Ma a livello economico cosa ci aspetta? Il nuovo decreto Aprile-Maggio pone l’attenzione sulla validità del bonus partite iva che passerà dai 600 agli 800 euro. A chi spetterà ? Scopriamolo insieme.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Caldo, il nostro nuovo alleato per combattere il virus

Decreto aprile-maggio. Bonus a 800 euro

decreto bonus
Giuseppe Conte (Getty Images)

Il governo sta lavorando al prossimo decreto che dovrà essere confermato tra pochi giorni. Saranno stanziate risorse per aumentare l’indennità del bonus di 200 euro, salendo così a 800. Saranno rivisti i requisiti di accesso rispetto a quelli stabiliti lo scorso mese ed inoltre, come ha già accennato Conte, per quelli già inscritti basterà un semplice click per chiederli di nuovo. “Nessuno rimarrà indietro – sottolinea il ministro Catalfo – stiamo lavorando al nuovo decreto che in termini di risorse sarà più consistente rispetto a quello di marzo – continua – in modo tale da poter aumentare l’importo dell’indennità per autonomi e professionisti fino a 800 euro e – dichiara – introdurre un reddito di emergenza di 500 euro per le fasce più deboli“.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Nuovi contagi dopo la stretta. Il parere dell’esperto

DECRETO BONUS
Giuseppe Conte – Foto Instagram da https://www.instagram.com/giuseppeconte_ufficiale/

Secondo il decreto saranno prorogati la Cassa Integrazione, il congedo parentale straordinario Inps o il bonus baby sitter ed infine le scadenze fiscali. Il bonus colf e badanti aumenterà di 200 euro, e quello per i figli under 14 con assegno da 80 a 160 euro. “In questa crisi – sottolinea il ministro Catalfo – nessun cittadino o lavoratore deve rimanere indietro” Conclude.