Ecuador, ritrovata viva in ospedale anche se dichiarata morta per il virus

Il fatto è avvenuto nel pieno del caos degli ospedali al collasso per via del Covid-19. L’ospedale dell’Ecuador si è scusato per lo scambio d’identità

Ecuador
(foto dal web)

Dichiarata morta dai medici ma trovata viva in ospedale quasi un mese dopo. È lo strano caso che è avvenuto in Ecuador in piena emergenza coronavirus.

È la storia che ha coinvolto Maruri, come racconta il quotidiano locale El Comercio, che era stata ricoverata a fine marzo per via del Covid-19. Febbre alta e difficoltà respiratorie erano i problemi riscontrati dalla donna che però secondo i medici non ce l’avrebbe fatta. I familiari, infatti, sono stati contattati dall’ospedale e informati della morte di Maruri. A loro sono arrivate anche le ceneri della donna.

Quasi un mese dopo però, il 23 aprile, Maruri si è risvegliata dal coma, ha ripreso conoscenza e ha comunicato il suo nome. I medici sono rimasti di ghiaccio e hanno capito l’errore. Così alcuni rappresentanti dell’ospedale si sono recati personalmente dai familiari della donna per scusarsi. Un fatto fuori dal comune e che non dovrebbe succedere. All’epoca dei fatti però, come riporta El Comercio, l’ospedale era nel pieno del caos per via del coronavirus ed è stato commesso l’errore.

“È un miracolo. Per quasi un mese abbiamo pensato fosse morta”, ha detto la sorella di Maruri che si ritrova in casa le ceneri di qualcun altro.

LEGGI ANCHE—> Virus: allergici e asmatici colpiti raramente, il motivo

Ecuador, la sanità al collasso per via del virus

Coronavirus
(Getty Images)

Una storia a lieto fine anche se traumatica quella che ha coinvolto Maruri e la sua famiglia. Ma dall’Ecuador arrivano dei racconti e delle immagini ben peggiori. Ospedali al collasso e cadaveri lasciati a loro stessi, ammucchiati nei bagni degli ospedali. Sono gli infermieri che effettuano queste operazioni da incubo in quanto il personale dell’obitorio non è sufficiente.

LEGGI ANCHE—> Inghilterra, nuovi sintomi del virus nei bambini

Lo racconta direttamente un infermiere come riporta TgCom24: “Il personale dell’obitorio non era più sufficiente e diverse volte abbiamo dovuto trasportare i corpi e ammucchiarli nel gabinetto. Solo quando i cadaveri sono diventati sei, sette sono stati ritirati”.

Gli infermieri insieme ai medici sono quelli che maggiormente stanno soffrendo professionalmente di più per l’emergenza con turni estenuanti e tantissimi pazienti da seguire.

eros-ramazzotti-sorpresa-
La sorpresa di Eros Ramazzotti al paziente di coronavirus – Screenshot da video

L’Ecuador ha registrato circa 23mila casi di Covid-19, e 600 morti dal 29 febbraio.