Inghilterra, nuovi sintomi del virus nei bambini

I medici inglesi hanno lanciato l’allerta: ci potrebbe essere un legame con il Coronavirus su alcuni casi di una sindrome infiammatoria acuta che ha colpito dei bambini.

Fase 2 coronavirus
coronavirus (Foto di Tumisu-Pixabay)

Alcuni bambini inglesi si sono ammalati di una grave sindrome infiammatoria, chiamata ‘multi-system inflammatory state‘. I medici si sono preoccupati dato che potrebbero essere dei nuovi sintomi legati al Covid-19, benché finora siano solo un sospetto e non ci sia alcuna conferma scientifica. Nelle ultime settimane però ci sono stati circa una decina di casi, partiti da una zona a nord di Londra e che poi si sono diffusi in altre zone del Regno Unito. Non è stata ancora decifrata la causa. Di questa vicenda ne ha parlato la rivista scientifica inglese Health Service Journal. L’allerta è alta nonostante ci siano ancora pochi casi perché si sta cercando di capirne le ragioni. In conferenza stampa è intervenuto il ministro della Sanità Matt Hancock, che si è detto “molto preoccupato” in proposito.

LEGGI ANCHE -> Conte, nuove dichiarazioni sulla Fase Due: il libera tutti non è possibile

Alcuni bambini inglesi sono positivi al Covid-19

STUDIO NASO
Ragazza con mascherina (Pixabay)

Finora, tra i bambini ammalati di questa patologia, alcuni sono risultati positivi al Coronavirus e altri no. Il ‘multi-system inflammatory state‘ è una risposta immunitaria acuta da cui parte un’infiammazione corporea, che interessa vari organi e parti del corpo. Presenta delle somiglianze con la sindrome di Kawasaki o da choc tossico, per cui i vasi sanguigni si rompono o si dilatano e provocano prima una bassa pressione e dopo problemi gravissimi, come accumuli di sangue e liquidi nei polmoni o altri organi come reni e cuore.

LEGGI ANCHE -> Covid-19, Brusaferro (Iss): La mascherina va usata anche all’aperto

mascherina fai da te come realizzare
Mascherina (Getty Images)

Questa tendenza potrebbe rivelare un altro aspetto preoccupante del Covid-19. I bambini erano considerati, finora, quelli meno a rischio della pandemia. Ora quindi andrà chiarito anche questo fenomeno.