L’annuncio da Oxford: “Vaccino pronto a settembre”

Vaccino pronto a settembre: per gli scienziati, se verrà confermata l’efficacia riscontrata sulle scimmie, “ad inizio autunno ci saranno milioni di dosi”

vaccino
ricerca (getty images)

Vaccino pronto a settembre: per gli scienziati, se verrà confermata l’efficacia riscontrata sulle scimmie, “ad inizio autunno ci saranno milioni di dosi”. Uno scenario decisamente positivo quello illustrato al Times dal ricercatore Vincent Munster che afferma che “i macachi sono quanto di più vicino agli uomini possa esistere”.  Munster  pubblicherà il resoconto scientifico della scoperta per condividerla con gli altri laboratori che a livello globale stanno collaborando verso la ricerca del vaccino. C’è anche un team italiano, a Pomezia, che fa parte del gruppo di lavoro coordinato ad Oxford. Si attende che l’immunità dia risposte sulle scimmie. A quel punto, la strada potrebbe seriamente essere in discesa perchè somigliano molto agli uomini sotto il profilo del sistema immunitario.

Leggi anche > Fase 2 e vacanze estive: il punto

Vaccino pronto a settembre, la tecnologia del team di ricerca

Coronavirus
RICERCATORI (Getty Images)

Per il vaccino gli scienziati dell’Università di Oxford stanno usando una tecnologia già sperimentata con successo su altri coronavirus del passato. Il team sta puntando alla produzione di anticorpi. SE tutto andrà come previsto a settembre si potrebbe già partire con i vaccini. Una corso contro il tempo fondamentale per quella data. E’ attesa, infatti, una seconda ondata del coronavirus verso ottobre. Avere il vaccino prima di questo momento sarebbe un risultato eccezionale e salverebbe il mondo da una catastrofe  soprattutto economica.

Leggi anche > Da un Covid Hospital: “Farmaci inefficaci, virus sottovalutato”

Laboratorio
LABORATORIO (Getty Images)

Se le strutture sanitarie e la stessa esperienza dei medici possono migliorare in questi mesi, per l‘economia sarebbe un secondo colpo, una nuova battuta d’arresto che potrebbe essere letale.