Covid-19, l’andrologo spiega: “Con questo virus il sesso debole è quello maschile”

Covid-19, l’andrologo Carlo Foresta ha spiegato qual è il sesso debole con questo nuovo virus. 

Coronavirus
(Getty Images)

Il coronavirus sta continuando a circolare per il mondo: i casi positivi confermati sono più di 3 milioni mentre i decessi più di 220mila. Gli esperti stanno studiando il covid-19 per cercare di arrestare la sua avanzata con terapie efficaci o con il vaccino. Un dato rilevato è alquanto interessante: sono più gli uomini morti a causa del virus che le donne. Secondo uno studio, la mortalità del sesso maschile è più che doppia rispetto a quella femminile. Carlo Foresta, ordinario di Endocrinologia, sta studiando i motivi che si celano dietro questi dati e ha rilasciato alcune dichiarazioni nella giornata odierna. “Il sesso debole? Con il covid-19 è quello maschile”.

LEGGI ANCHE –> La mappa regione per regione dell’epidemia: aggiornati i dati al 29 aprile 

Covid-19, le parole di Carlo Foresta

Test del Coronavirus in 60 minuti grazie a Diasorin
laboratorio (getty images)

Carlo Foresta, a margine di un seminario via web sul “Sistema endocrino-riproduttivo e Covid-19”, ha spiegato all’Adnkronos qual è il sesso debole nei confronti del virus. “Le cause della maggior gravità da covid-19 nel sesso maschile va ricercata nelle intrinseche differenze ormonali e genetiche tra i due generi. La diversa costituzione dei cromosomi sessuali può determinare una predisposizione del maschio a sviluppare forme più severe dell’infezione”. L’esperto ha svelato di essere convinto che sarebbe opportuno differenziare i trattamenti tra uomini e donne per superare il virus e ha chiarito che gli ormoni maschili come il testosterone facilitano l’estensione dell’infezione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Fase 2, perché non si può rispettare il distanziamento sui mezzi pubblici, video

virus
covid19(Getty Images)

Carlo Foresta ha ribadito che il testicolo non è una sede di accumulo del virus perché in nessun caso è stato individuato il virus nel liquido seminale dei soggetti infetti. L’esperto ha anche sottolineato la possibilità che il camostat mesilato, farmaco in sperimentazione, agisca bloccando il meccanismo d’ingresso del virus.