Coronavirus, parla lo psicologo: “La fase 2 può nascondere un problema”

La fase 2 è alle porte con i primi alleggerimenti. Parla lo psicologo: “Ora l’emergenza è mentale. Molti già temono di uscire”

pipistrello pangolino
Coronavirus (Getty Images)

L’emergenza coronavirus è pronta a passare ad una fase successiva, quella definita “2”. Si alleggeriscono gradualmente i restringimenti sociali man mano che la scomparsa definitiva del virus appare vicina. Tuttavia, il ritorno graduale alla normalità non è facile. Fase 2 significa iniziare a convivere con un nemico che esiste ancora, non è sconfitto. C’è chi non è sereno, non si sente pronto ad affrontare la vita sapendo che il virus, il mostro, sia ancora una minaccia. E’ una problematica affermata anche da un esperto, uno psicologo, che si è concesso al Corriere della Sera. Parliamo del professor Mauro Maldonato che insegna Psicologia clinica al dipartimento di neuroscienze della Federico II di Napoli.

Leggi anche > Emozioni negative causano dolori

Parla lo psicologo: Emozioni danneggiate

Coronavirus
Coronavirus (Getty Images)

Il professore apre subito il discorso sulla questione mentale e le conseguenze della quarantena forzata dovuta alla pandemia: “Il problema della salute mentale diventa oggi un problema politico. La pandemia ha frantumato la rappresentazione di noi stessi nel mondo: sulla crosta del reale si è aperta una voragine angosciosa che rischia di inghiottirci. C’è un’emergenza sanitaria che resiste e ce n’è anche una psicopatologica importante”. Il professore si sofferma poi su ciò che va fatto per evitare la paura di uscire, non solo perchè esiste ancora un virus che può colpire.

Leggi anche > Renzi minaccia Conte

foto dal web

Noi, e nei giovani soprattutto, c’è una riserva emotiva enorme. Bisogna riattivarla e addestrala. Dobbiamo trasformare la claustrofobia in claustrofilia. Ci serve tempo per riparare le emozioni danneggiate, analizzare la rabbia e utilizzarla”.